Roma: nasce la Corte Penale Internazionale

Stampa

© Corte Penale Internazionale

E' entrato in vigore il Trattato di Roma del 1998, costitutivo del Tribunale penale internazionale permanente. Grazie alle ultime 4 ratifiche, i 18 giudici internazionali dovrebbero diventare operativi a partire dal prossimo luglio e saranno chiamati ad occuparsi di crimini di guerra e contro l'umanità, compreso il genocidio. Finora sono 60 paesi, ma altri 135 hanno firmato lo statuto e nel tempo lo inseriranno all'interno del proprio ordinamento. Tra gli assenti ancora gli Stati Uniti che come ricorda Noam Chomsky, dopo aver aderito alla risoluzione ONU sulla Palestina per l'applicazione del Piano Mitchell e l'introduzione di osservatori internazionali, hanno boicottato gli incontri internazionali del 5 Dicembre a Ginevra (ai quali parteciparono l'Unione Europea e persino l'Inghilterra) nell'ambito dei quali si riaffermava l'applicazione della Quarta Convenzione di Ginevra ai territori occupati. La Corte non ha competenza universale: avrà giurisdizione solo sui cittadini degli Stati che hanno aderito allo Statuto e su quanti commettessero crimini nel territorio di questi Stati. Il genocidio è già discusso nel diritto dei paesi da leggi nazionali e dalle reti di organizzazioni quali Prevent Genocide International. Nelle scelte di politica economica rischia di indispettire sia il padronato sia i sindacati. Due esempi: la legge che prevede l'esproprio delle terre o quella sulla riforma della pesca che sembra penalizzare più che incentivare l'industria ittica.
Pubblicato il: 10.04.2002
" Fonte: » Rai News 24, Misna, Zmag Italy, Studi per la pace;

Ultime notizie

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

In Messico è altolà ai narcos

17 Maggio 2019
Il neo presidente del Messico lavora per una riduzione della violenza dei narcotrafficanti. (Miriam Rossi)

Le nostre “eco-colpe” non sono compensabili!

16 Maggio 2019
Termini come “eco-friendly” o “green” incoraggiano l’idea che esistano oggetti e comportamenti “buoni” per l’ambiente. Ma non è sempre così… (Alessandro Graziadei)