Riflessioni: era nucleare, giugno 2019

Stampa

Foto: Pressenza.com

Ecco, oggi potremo dire di avere due buoni motivi per cambiare vita. In realtà ce ne basterebbe solo uno, quello nucleare. L’ altro, quello inerente il clima si aggiungerebbe al primo, perché solo in condizioni di Pace, ci si potrà dedicare alle soluzioni o al contenimento di quello, e non viceversa, se si vuole essere sicuri di un qualche risultato.

Perché parlo con sicurezza di questi problemi? E perché affermo che ci sono motivi fondati per cambiare vita e atteggiamenti? Il pensiero, la considerazione che abbiamo noi stessi di essere cittadini italiani o francesi, africani, americani, cinesi, russi, deve cambiare, non nel senso di rinnegare questa origine che nessuno, giustamente, potrà o dovrà toglierci, ma semplicemente perché TUTTI NOI, RAZZA UMANA, viviamo sullo stesso Pianeta che si muove nell’ Universo infinito e non sappiamo dove andrà. Si muove e non possiamo farci niente…

Accadesse una guerra nucleare tra alcuni Stati, sappiamo, che TUTTI gli altri Stati ne saranno coinvolti, perché la nube radioattiva, i fumi provocati dagli incendi di materiali infiammabili, gas, benzine, legname di vario tipo, saranno sospinti nell’atmosfera e lì si sposteranno in base ai venti? E non c’è “doganiere” che tenga, neanche per i problemi climatici! E altresì sappiamo che 122 Stati nel 2017 hanno firmato per una legge che dovrà essere ratificata da almeno 50 di essi, per renderla operativa? Legge che al suo articolo 1 proibisce, in sostanza, il possesso, il trasferimento, l’elaborazione delle armi nucleari? E allora perché NOI cittadini di tutti gli Stati legati in qualche modo al nucleare, anche per alleanze militari (ci sarebbe da approfondire il termine) che non hanno firmato tale legge non decidono di farlo e ratificarla?

È “normale”, “lecito”, “corretto”, “razionale”, far morire anche a milioni, persone che non c’entrano per niente con quella eventuale guerra? Perché non renderla impossibile PROIBENDO queste armi come già per alcune di esse di altro tipo? Non riguarda TUTTI come appunto il problema nucleare sembra suggerirci che oggi, anno 2019, la guerra, qualsiasi tipo di essa, non dovrebbe più esserci perché i problemi sono complessivi, di tutti noi cittadini, climatici e sociali compresi? Studiare, ipotizzare che in una guerra nucleare lo Stato “X” pensi di poter lanciare i propri missili con bombe miniaturizzate (che non dovrebbero esserci perché proibite dal Trattato di non proliferazione esistente) contro il “nemico”, non autorizza quest’ altro a reagire con mezzi più potenti visto che è sotto attacco? E allora cosa si risolverebbe?

I nostri governanti, che pure dovrebbero avere e “sentire” la responsabilità delle nostre vite (sappiamo che gliele abbiamo date senza riserve?) non potrebbero realizzare che nessun “medico autorevole” ha suggerito di fare una guerra tanto per farla, per dimostrare la grandezza del proprio pulsante e la propria forza militare? Questa mi sembra la Storia di oggi, racchiusa in quest’ articolo, e non in un libro serioso e documentatissimo. Tocca a noi, uomini e donne del mondo, con la nostra sensibilità e rispetto per gli altri, insieme il più possibile, dare la nostra impronta allo Stato di cui siamo i cittadini, per la nostra salvezza e dei nostri cari e perfino di chi, legato ai vecchi schemi, pensa che la guerra possa essere la salvezza della Patria.

Vorrei ricordare la responsabilità personale indicata, nel Processo di Norimberga, ai nazisti che hanno ubbidito allo Stato, senza farne un valore valido e attuale anche per i vincitori della guerra, che già allora aveva sconvolto il mondo. Sono state sganciate bombe atomiche su due cittadine solo per far capire ad altri chi fosse il più forte. Non c’ erano motivazioni militari. E le cittadine erano abitate… Siamo in una situazione che costringe ad un radicale cambiamento. O lo facciamo in qualche modo e potremo salvarci tutti, oppure anche chi scrive ne subirà le eventuali conseguenze a venire…

Non si può accettare che uno Stato, oggi, indichi nei suoi documenti ufficiali che altri Stati sono nemici e altri sono “canaglia”. Il mondo ha bisogno di padroni e li richiede? L’Impero Romano aveva nei suoi armamenti spade e lance che oggi sono nei musei, Qualche governante dovrebbe aggiornarsi sulle armi di oggi e sui pericoli che possono gravare anche sul suo popoloIn Italia, presso il Senato, è depositata la mozione che invita il governo alla ratifica del Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari. Facciamo in modo, con manifestazioni pacifiche e nonviolente, incontri vari, che il nostro Parlamento possa ratificare tale Trattato. Sarebbe un punto di buona partenza per altri e per noi.

Giuseppe Bruzzone da Pressenza.com

Ultime notizie

Plastica: siamo più consapevoli del problema, ma…

19 Luglio 2019
Siamo più consapevoli dei problemi legati all'inquinamento da plastica, ma solo ora iniziamo a prendere in considerazione le possibili soluzioni. (Alessandro Graziadei)

Aree protette, una ricchezza per l’Europa

18 Luglio 2019
Giovani, comunità e natura: è qui il futuro dell’Europa. (Anna Molinari)

Balcani occidentali, la libertà dei media continua a deteriorarsi

18 Luglio 2019
I giornalisti investigativi dei Balcani occidentali hanno espresso il proprio malcontento nei confronti del sistema giudiziario nei rispettivi paesi. Le loro esperienze con giudici e pubblici minis...

Guerra del Nilo: Egitto-Etiopia, l’acqua per vivere

17 Luglio 2019
Una gigantesca diga bloccherà gran parte delle acque del ramo “Azzurro” assetando il Paese dei faraoni. Tensione anche tra il Cairo e Gerusalemme: gli israeliani hanno venduto un sistema anti-...

Tunisia: un porto sicuro?

17 Luglio 2019
Il paese maghrebino presenta ancora numerose lacune giuridiche e organizzative per quanto riguarda i richiedenti asilo. (Ferruccio Bellicini)