Pressioni per l'arresto dell'oro nero

Stampa

Immagine

Quattro ecologisti, tra cui l'italiano Giuseppe De Marzo sono stati arrestati in Equador nel corso di una manifestazione di protesta realizzata a Mindo, una delle oasi naturalistiche più importanti al mondo per biodiversità, contro la costruzione del contestato oleodotto Ocp (Oleoducto de crudos pesados). Dopo una notte passata a investigare sulle devastazioni prodotte dalla costruzione dell'oleodotto i quattro avevano occupato la zona e bloccato i lavori con azioni di protesta pacifiche. La Campagna italiana contro l'Ocp, di cui Giuseppe De Marzo è tra i promotori, ha il sostegno di numerose Ong e chiede con forza che l'Eni e la Bnl escano dal progetto. Intanto in Nigeria la Chevron Texaco ha raggiunto un accordo con il programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP) per lavorare insieme su progetti concernenti salute, educazione, agricoltura e tutela di donne e bambini. Questa è una buona notizia per tutte le donne nigeriane che nei mesi scorsi hanno protestato contro la società petrolifera per il mancato rispetto delle promesse relative allo sviluppo locale e alla mitigazione degli impatti ambientali. Purtroppo però secondo la Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, "le preoccupazioni rimangono, al di là del valore e dell'efficacia tutta da dimostrare dell'ennesima partnership pubblico-privato, la precaria situazione dei diritti umani nella regione - numerose sono le testimonianze di repressione delle forze dell'ordine nigeriane per garantire gli interessi delle compagnie petrolifere - lascia forti dubbi alle popolazioni locali, che attendono finalmente fatti concreti e non le ennesime vuote promesse".
Pubblicato il: 13.11.2002
" Fonte: » CRBM, Associazione Popoli Minacciati, Misna;
" Approfondimento: » Selvas , Denuncia della Comunità Amazzonica di Sarayaku, provincia di Pastaza - Ecuador ;

Ultime notizie

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti

Elezioni in Tunisia: un presidente post ideologico

16 Ottobre 2019
Sono molte le incognite scaturite dal voto per l’Assemblea legislativa e per il presidente. (Ferruccio Bellicini)

Commissione Europea, una partenza in salita

15 Ottobre 2019
Tre commissari non hanno superato l’esame del Parlamento Europeo: ragioni e conseguenze. (Matteo Angeli)

Il principe assassino di Khashoggi a rischio regno ricatta col petrolio

14 Ottobre 2019
Trump impone il silenzio, un anno dopo non c’è giustizia per Khashoggi, il giornalista saudita assassinato e fatto a pezzi nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul. Guerra del golfo a perdere p...

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)