Perù: Fujimori vuole tornare presidente

Stampa

Mentre il Perù non si è ancora sollevato definitivamente dallo stato di emergenza, che da un mese concentra nelle mani dell'esercito e della polizia il controllo dell'ordine pubblico, dal Giappone si riaffaccia l'ex presidente Fujimori che manifesta l'intezione di candidarsi per le elezioni del 2006.

Fujimori, ufficialmente ricercato dall'Interpol, è oggetto di una richiesta di estradizione da parte del governo peruviano. E' accusato di numerosi crimini come omicidio, rapimento e crimine organizzato. L'ex presidente peruviano, che ha governato il paese dal 1990 al 2000, ha però recentemente avviato una campagna denigratoria nei confronti dell'attuale presidente peruviano Toledo. In un'intervista al quotidiano cileno "El Mercurio", ha ribadito la sua innocenza ed ha affermato di voler affrontare il processo "ma non in quel patibolo e di fronte a questi carnefici", riferendosi alla giustizia a suo avviso "politicizzata" del Perù. Ma il "chino", come è chiamato in Perù, non si è limitato alla difesa, ma ha anche attaccato il presidente Toledo sostenendo che egli è esempio dell' "incapacità della classe politica tradizionale peruviana", con il suo "caos economico, la crisi sociale e la minaccia del terrorismo". Fujimori ha inoltre sostenuto l'intenzione di candidarsi per le elezioni del 2006 sostenendo di avere l'appoggio di almeno un terzo della popolazione.

Intanto a Lima viene processato il braccio destro di Fujimori, l'ex agente segreto Vladimiro Montesinos. Il processo è trasmesso alla televisione e lo vede freddo ed impassibile protagonista nonostante abbia già ottenuto condanne per 22 anni. Ancora pendenti inoltre 50 capi d'accusa tra i quali sono compresi crimini come l'omicidio, la tortura, il sequestro di persona, il traffico d'armi e di droga e la corruzione.

Il presidente Toledo, dopo il vertiginoso calo di popolarità culminato con la proclamazione dello stato di emergenza, sta riacquistando lentamente la fiducia dell'elettorato grazie alla nomina di Beatriz Lucero a capo del governo. L'ex avvocatessa è stimata per la sua battaglia contro la corruzione ma il suo governo è sempre più caratterizzato da un'escalation di morti e attentati rivendicati da ancora non ben definiti gruppi vicini a Sendero Luminoso.

Fonti: Selvas, Latino America, Yahoonews

Ultime notizie

Bambini: “chi non produce è inutile”

25 Giugno 2019
È necessario contrastare l’idea che chi non produce è inutile per la società. A cominciare dai bambini costretti ad essere “economicamente attivi”. (Alessandro Graziadei)

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

La donna che combatte i matrimoni precoci

21 Giugno 2019
Povertà, matrimoni precoci e abbandono scolastico sono tre componenti dello stesso circolo vizioso. È contro un tale flagello che si batte da oltre 15 anni Theresa Kachindamoto, una donna...