Per una polizia nonviolenta

Stampa

Immagine

Il 6 dicembre avrà luogo al senato la presentazione pubblica della proposta di legge per la formazione e l'addestramento delle forze dell'ordine alla conoscenza e all'uso delle risorse della nonviolenza. Promotore di questa proposta di legge è Peppe Sini, direttore del Centro di ricerca per la pace di Viterbo. Certamente i fatti dello scorso 20 luglio a Genova hanno creato sconcerto in migliaia di persone e convinto molti a mobilitarsi per evitare il ripetersi di certi avvenimenti. Decine di senatori, deputati e parlamentari europei hanno già espresso attenzione e sostegno alla proposta di legge. L'obiettivo è la promozione della legalità e dei diritti umani, l'applicazione dei principi fondamentali della Costituzione; la messa a disposizione delle forze dell'ordine - istituzionalmente preposte alla difesa della sicurezza e dei diritti di tutti - delle risorse conoscitive, metodologiche ed operative della teoria e della pratica della nonviolenza.
Pubblicato il: 04.12.2001
" Fonte: » Movimento Nonviolento, Peacelink, Volontari per lo Sviluppo;

Ultime notizie

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

Sudafrica ed elezioni: vince (ma cala) l'Anc

17 Maggio 2019
Il partito di governo guidato da Ramaphosa conquista il 57,5% delle preferenze, ma frena di 4,5 voti percentuali rispetto al 2014. Bene la sinistra con l’Economic Freedom Fighters che arriva quasi...

In Messico è altolà ai narcos

17 Maggio 2019
Il neo presidente del Messico lavora per una riduzione della violenza dei narcotrafficanti. (Miriam Rossi)