Pena di morte e la moratoria delle esecuzioni

Stampa

© Penadimorte

Il Comitato 3 LUGLIO 1849, membro fondatore della World Coalition Against Death Penalty, spiega perchè i parlamentari italiani sono così entusiasti dell'idea di chiedere alle Nazioni Unite una moratoria delle esecuzioni. Semplice: perché la Moratoria non costa nulla, non serve a nulla e soprattutto non da fastidio agli americani.

Diverso sarebbe se si facesse sul serio. Se si cancellasse la "pena di morte" dalla nostra Costituzione. Se si chiedesse alle Nazioni Unite di dichiarare che la pena capitale è una forma di tortura. Se si attaccassero gli Stati Uniti per le cose vergognose che fanno ai minorenni e ai minorati. Ma questa è un'altra storia.

Non sono stati pochi i parlamentari che hanno ripetuto il mantra pannelliano secondo cui la Moratoria è la panacea di tutti i mali, ma nessuno ha tentato di spiegarne la ragione. Nessuno ha spiegato di quale mistica forza dovrà essere dotata una risoluzione che convinca i governatori americani e i comunisti cinesi a non ammazzare la gente. (Ricordo che negli ultimi vent'anni si sono sprecate le risoluzioni, le dichiarazioni e le convenzioni contro la tortura.)

Nessuno si è chiesto perché le organizzazioni abolizioniste sono, se non contrarie, molto scettiche nei confronti della proposta radicale. Nessuno si è curato di investigare se dietro il delirio pannelliano non vi sia altro che il desiderio di farsi pubblicità prima delle elezioni europee del 2004.

Soprattutto nessuno ha avvertito gli italiani che, anche se non si combinerà il casino miracolosamente evitato nel 1999, la Moratoria non avrà alcun potere sugli stati e che le esecuzioni continueranno.

Tutti hanno preferito darsi un po' di arie senza doverne pagare il prezzo. Diverso sarebbe stato se ci si fosse chiesti perché l'attuale maggioranza di governo ha bloccato la procedura costituzionale che avrebbe dovuto far sparire la "pena di morte" dalla nostra Costituzione. Diverso sarebbe stato se si fosse chiesto alle Nazioni Unite di dichiarare l'ovvio; cioè che la pena di morte è una forma di tortura e quindi vietata dalle norme internazionali. Diverso sarebbe stato se si fossero messi sotto accusa gli americani per le vergognose e sfacciate violazioni dei diritti umani cui sottopongono i minorenni e i minorati mentali.

Ma questa è un'altra storia.

Una storia che avrebbe bisogno di gente preparata e non di politicanti pomposamente incompetenti.

Claudio Giusti

Fonte: COMITATO 3 LUGLIO 1849

Ultime notizie

"È cruciale includere le opinioni dei giovani nei processi di policy-making"

13 Dicembre 2019
Un'intervista al Ministro portoghese dell’Ambiente sulla partecipazione e l’educazione dei giovani. (Agenzia di Stampa Giovanile)

Chi sponsorizza la COP25? Il futuro del clima è forse corrotto?

12 Dicembre 2019
A cosa pensi appena vedi “Coca Cola”, “Iberia”, “L’oreal” proiettati sul grande schermo del palazzo che ospita la Conferenza ONU sul Clima (COP25) a Madrid? I maggiori responsabili dell’inquinament...

La "Cumbre Social per il Clima" lancia il Manifesto Climatico

12 Dicembre 2019
Dal 6 al 13 dicembre 2019, parallelamente alla COP25 di Madrid, si tiene la "Cumbre Social per il Clima". (Domenico Vito)

Il futuro potrebbe essere un terrificante film di fantascienza

11 Dicembre 2019
Cosa succede se superiamo la soglia di 1.5°C? Questa è la domanda che ha aperto un side event alla COP25 il cui obiettivo era quello di analizzare gli scenari che si verificheranno nel caso in...

Il ruolo delle giovani donne per la giustizia climatica

11 Dicembre 2019
Ritrovarsi in una sala conferenze ad ascoltare giovani donne attiviste per il clima e uscire con le lacrime agli occhi e un nodo alla gola. (Roberto Barbiero)