Oleodotto Btc: nuovi scandali

Stampa

Campaing against BTC pipeline

La costruzione dell'oleodotto più lungo del mondo, il Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC), continua a suscitare fortissime polemiche e perplessità. Negli ultimi giorni hanno avuto vasta risonanza sulla stampa inglese le dichiarazioni molto critiche di quattro esperti altamente qualificati che hanno contribuito alla realizzazione del BTC. Secondo i quattro esperti, tutti con più di 20 anni di carriera nel campo specifico, la costruzione del tratto turco dell'oleodotto sarebbe stata costellata da una serie di gravi incompetenze, dall'impiego di manodopera inadeguata e da inappropriati tagli dei costi. Nel dettaglio, non sarebbero stati consultati gli specialisti adeguati per le consulenze ingegneristiche, si sarebbero usati metodi e materiali inadatti che non potranno assolvere alla funzione per cui erano previsti; non sarebbero state rispettate le procedure e le indicazioni specifiche previste dal progetto; non ci sarebbe stato nessun controllo di qualità; si sarebbe impiegato staff non adeguatamente qualificato e non formato; sarebbero state ignorate elementari misure di precauzione riguardanti l'ambiente e la salute e la sicurezza; si sarebbero ignorate le conseguenze per le imprese locali che hanno contribuito alla fornitura dei materiali necessari per la costruzione dell'oleodotto, molte delle quali hanno poi dichiarato fallimento.

Va poi rammentato che anche per la parte georgiana ed azera della pipeline erano state rivelate importanti carenze per ciò che riguardava la copertura delle tubature. Le Ong internazionali, tra cui la Campagna per la riforma della Banca mondiale, che da un paio di anni seguono da vicino le vicende dell'oleodotto BTC manifestano tutta la loro preoccupazione in merito a questi ulteriori sviluppi e chiedono al consorzio costruttore, capeggiato dall'inglese BP e di cui fa parte anche l'ENI, di sospendere i lavori della pipeline.

Le Ong hanno ripetutamente evidenziato i rischi legati agli impatti socio-ambientali ed alla sicurezza che avrebbe comportato il BTC, vedendo purtroppo confermati i loro peggiori timori allorché si è proseguito con la realizzazione dell'oleodotto. Andrea Baranes, in rappresentanza della Campagna per la Riforma della Banca mondiale, una delle organizzazioni che ha promosso la campagna MancaIntesa, nata per chiedere alla più grande banca italiana una maggiore responsabilità sociale ed ambientale, ha dichiarato: "Banca Intesa, dal momento che è una delle banche finanziatrici del progetto, deve chiedere immediatamente un'indagine indipendente e molto approfondita per capire l'entità del problema. Il contratto di finanziamento prevede esplicitamente che le banche siano informate di qualunque problema riguardante l'oleodotto" ha continuato Baranes. "Se le accuse fossero confermate, le banche dovrebbero immediatamente ritirare il proprio sostegno finanziario al progetto. In caso contrario, e qualora Banca Intesa dovesse ignorare le denunce degli esperti, sarebbe del tutto connivente con le mancanze perpetrate dal consorzio costruttore e complice di quello che i giornali inglesi ormai chiamano una bomba ad orologeria ambientale" ha concluso Baranes.

Ultime notizie

Locanda Dal Barba, dove l’accoglienza si fa in tavola

24 Febbraio 2020
Inclusione sociale per persone con disturbi del neurosviluppo, un’esperienza da conoscere. (Anna Molinari)

Bari il cibo torna in circolo (per i poveri)

23 Febbraio 2020
Sette frigo solidali ospitano il cibo donato. I volontari si spostano anche con pattini e biciclette. L’idea di Kenda onlus. (Bepi Castellaneta)

Disabilità in Ecuador: un cammino disseminato di ostacoli

22 Febbraio 2020
Nonostante le iniziative realizzate, la situazione dei disabili, soprattutto intellettivi, rimane profondamente disagiata e vittima di una politica viziosa. (Marco Grisenti)

Un clima impazzito

21 Febbraio 2020
Un clima impazzito che non conosce una via di mezzo e le cui conseguenze sono pagate soprattutto dai più deboli. (Lia Curcio)

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)