"Non ci può essere una guerra al Terrore"

Stampa

CHOMSKI SULLA GUERRA IN IRAQ
"Porterà a una nuova generazione di terroristi"
Chomsky avverte sulle conseguenze di una guerra.
"La guerra contro l'Iraq potrà spazzare via Saddam ma provocherà la nascita
di una nuova generazione di terroristi e la perdita del controllo degli
arsenali di armi chimiche e biologiche di distruzione di massa".
Questo è lo scenario di un post guerra abozzato ieri dal linguista e
pensatore nord americano Noam Chomsky, che ha citato esperti in
geopolitica, strategia e tattica militare per tracciare questo tenebroso
quadro.
Chomsky afferma che "la guerra porterebbe alla atomizzazione degli
arsenali, scatenando quello che è stato definito come privatizzazione delle
armi per gruppi terroristici. Si potrebbe arrivare ad attacchi peggiori di
quello dell'11 settembre".
Chomski ha detto che non é stato provato il legame di Saddam con Al-Qaeda
ed é probabile che un tale legame non sia mai esistito. La reazione
mondiale ha lasciato vedere la fragilità degli argomenti di Bush per
attaccare l'Iraq.
"Bush ha inondato il mondo con una grottesca propaganda per la guerra, ma
ha provocato una reazione mai vista, per esempio, negli Stati Uniti. Lo
sforzo per costruire un nemico che sarebbe pronto a commettere genocidi
nasconde altri motivi per l'ambizione imperiale nord americana di imporsi
con la forza".
Uno dei principali motivi sarebbe il desiderio di imposessarsi delle
riserve del petrolio iracheno. Guardando dall'esterno del mondo
l'impressione è che tutta la popolazione mondiale si opponga al conflitto
voluto invece a gran voce da Bush e Blair.
Alberto Chicayban
delegato FSM 2003
Coop Itaca Pordenone
Prot.153

Fonte: Peacelink

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...