Nepal: riprende la guerriglia

Stampa

I ribelli maoisti Prachanda hanno dichiarato la fine del cessate il fuoco concordato con le forze governative il 30 gennaio scorso. Da quella data si è tentato più volte di negoziaziore una soluzione pacifica il conflitto che imperversa nel Paese dal 1996.

Negli ultimi mesi però si è assistito ad un'escalation di violenza da entrambe le parti che ha portato alla dichiarazione dei ribelli maoisti, i quali comunque non escludono la possibilità di riprendere le trattative.

La popolazione nepalese soffocata dalla guerra intestina vive sempre più nella povertà e nell'indigenza. Il 71% della popolazione vive al di sotto della soglia della povertà e nelle aree rurali l'aspettativa di vita si aggira intorno ai 35 anni. I dintorni di Katmandu, la capitale nepalese, si stanno trasformando in un campo profughi che accoglie migliaia di persone scampate dai territori di conflitto. Secondo i dati della National Human Right Commission, almeno 5.000 famiglie hanno lasciato i loro villaggi per rifugiarsi in territori più sicuri e 500.000 lavoratori residenti nei territori dove più alta è la tensione, spesso in India per lavori stagionali, non sono tornati alle loro case nei villaggi da più di un anno.

La guerriglia iniziata nel 1996 dal Partito Comunista Nepalese (NCP) ha come obiettivo lo sradicamento del sistema feudale del regno nepalese e di dare al Paese un governo di tipo comunista che garantisca i diritti dei ceti meno abbienti che rappresentano la maggioranza della popolazione. Dal 1996 ad oggi le vittime del conflitto sono state all'incirca ottomila ma violazioni ed abusi sono in continua crescita come sottolineato da molte associazioni per la difesa dei diritti umani.

Fonti: Warnews, Nepalnet.

Ultime notizie

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)

Balene: creature fragili e misteriose

28 Novembre 2022
Di tragedie o di scoperte fondamentali per la biologia, i cetacei sono protagonisti. (Anna Molinari)

Dossier/ Iran, Afghanistan e Golfo: i diritti violati delle donne

27 Novembre 2022
Nei Paesi del Golfo Persico, in Iran e in Afghanistan le discriminazioni nei confronti delle donne sono diffuse e, in vari casi, normate. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)