Nepal: riprende la guerriglia

Stampa

Kylä Pohkaran lähellä Nepalissa

I ribelli maoisti Prachanda hanno dichiarato la fine del cessate il fuoco concordato con le forze governative il 30 gennaio scorso. Da quella data si è tentato più volte di negoziaziore una soluzione pacifica il conflitto che imperversa nel Paese dal 1996.

Negli ultimi mesi però si è assistito ad un'escalation di violenza da entrambe le parti che ha portato alla dichiarazione dei ribelli maoisti, i quali comunque non escludono la possibilità di riprendere le trattative.

La popolazione nepalese soffocata dalla guerra intestina vive sempre più nella povertà e nell'indigenza. Il 71% della popolazione vive al di sotto della soglia della povertà e nelle aree rurali l'aspettativa di vita si aggira intorno ai 35 anni. I dintorni di Katmandu, la capitale nepalese, si stanno trasformando in un campo profughi che accoglie migliaia di persone scampate dai territori di conflitto. Secondo i dati della National Human Right Commission, almeno 5.000 famiglie hanno lasciato i loro villaggi per rifugiarsi in territori più sicuri e 500.000 lavoratori residenti nei territori dove più alta è la tensione, spesso in India per lavori stagionali, non sono tornati alle loro case nei villaggi da più di un anno.

La guerriglia iniziata nel 1996 dal Partito Comunista Nepalese (NCP) ha come obiettivo lo sradicamento del sistema feudale del regno nepalese e di dare al Paese un governo di tipo comunista che garantisca i diritti dei ceti meno abbienti che rappresentano la maggioranza della popolazione. Dal 1996 ad oggi le vittime del conflitto sono state all'incirca ottomila ma violazioni ed abusi sono in continua crescita come sottolineato da molte associazioni per la difesa dei diritti umani.

Fonti: Warnews, Nepalnet.

Ultime notizie

Io non ho paura del lupo, e tu?

27 Gennaio 2020
Conoscere è sempre il primo passo per un percorso di convivenza. Anche con i lupi. (Anna Molinari)

La palestra di Mohammed Alì a New York apre ai ragazzi di strada

26 Gennaio 2020
La Gleason’s Gym fondata nel 1937 da un pugile italiano immigrato ha fatto la storia della boxe. La nuova proprietà aiuta i giovani in difficoltà. (Claudio Arrigoni)

Migrazioni: da dove iniziano i viaggi della morte

25 Gennaio 2020
Illusioni, sogni, speranze e disinformazione. Queste le forze trainanti di un fenomeno apparentemente inarrestabile. (Lucia Michelini)

La nostra democrazia a sovranità limitata

24 Gennaio 2020
Un Polemos di facile ironia. Il mondo precipita da decenni in una lunga e ininterrotta guerra nel nome del Capitale. Con nomi diversi, combattuta in luoghi diversi, anche da noi che non contiamo ni...

Madri e bambini in carcere: una mostra che fa riflettere

24 Gennaio 2020
Essere madri oltre la pena” è la tappa finale di un laboratorio fotografico educativo, per riflettere sul rapporto delle donne con i propri figli all’interno del carcere. (Anna Toro)