Madagascar: due presidenti e un paese

Stampa

© VIS - Madagascar

"Dalla data del primo turno delle elezione del Presidente della Repubblica del Madagascar" - ha denunciato l'assemblea del VIS (Volontariato Internazionale per lo sviluppo)- "si sta assistendo all'atteggiamento ambiguo della Comunità Internazionale che, sino ad ora, non ha denunciato la gravità della situazione e non ha riconosciuto ufficialmente le scelte democratiche del popolo malgascio." La grave crisi politica è iniziata con le elezioni presidenziali: dopo il primo turno si sarebbero dovuti fronteggiare il presidente uscente Didier Ratsiraka e il leader dell'opposizione Marc Ravalomanana, ex-sindaco della capitale Antananarivo. Quest'ultimo, però, sostiene di aver ottenuto la maggioranza necessaria per vincere le elezioni ed ha rifiutato l'esito del primo turno denunciando brogli nel conteggio dei voti. Ravalomanana è sostenuto da un movimento civile che ha iniziato un'ondata di scioperi che ha totalmente paralizzato la vita della capitale. Questa massiccia protesta non violenta sta dando una grande lezione di democrazia e senso civico ma gli attori internazionali più influenti in Madagascar, l'Organizzazione Unione Africana (OUA), Francia, Stati Uniti e Unione Europea (primo partner economico del paese) devono, secondo le associazioni di volontariato che operano nel Paese, intervenire per evitare che lo scontro degeneri nella violenza e si aggravi la già difficile situazione del popolo malgascio, colpito da fame e malattie.
Pubblicato il: 18.05.2002
" Fonte: » Villaggio Volint, Fides, Secretariat of Missions , Chiama L'Africa;
" Approfondimento: » SOS Madagascar, Equilibri;

Ultime notizie

Agua limpia, por favor

23 Gennaio 2019
Le radici dell’acqua – o della sua mancanza. (Anna Molinari)

La primavera araba e l'inverno di Tunisi

22 Gennaio 2019
A scendere in piazza non sono stati i giovani ma i meno giovani, i tutelati, gli organizzati, coloro che “sanno stare assieme” sotto l'ombrello del potente sindacato UGTT. (Fabio Pipinato)

Disabili e mobilità europea: una storia in costruzione

21 Gennaio 2019
Dati e volti del progetto Erasmus con i disabili come partecipanti. (Miriam Rossi)

Processi sommari e pena di morte: così ci si sbarazza delle "donne dell'Isis"

21 Gennaio 2019
Medio Oriente. Il duro prezzo pagato dalle mogli dei miliziani islamisti nei tribunali di Iraq e Siria del nord. Almeno 4.500 le donne arrivate da tutto il mondo. Solo una minima parte di...

L'angelo Zeal gira negli ospedali per liberare pazienti «prigionieri»

20 Gennaio 2019
In 30 Paesi del mondo le strutture sanitarie si trasformano in centri di detenzione quando i malati non possono pagare. In Nigeria un cittadino li salva. (Michele Farina)