Legge 185: via libera al commercio di armi

Stampa

Con 134 voti a favore, 95 contrari e due astenuti il Senato ha approvato il DDL 1547 che, ratificando l'Accordo di Farnborough, ha modificato la legge 185 sull'esport di armi italiane. I rappresentanti della Campagna "Difendiamo la 185" hanno manifestato fuori dal Senato il loro dissenso alle modifiche della legge, con le quali non verrà più reso noto il certificato finale di destinazione d'uso e sarà consentito vendere armi a Paesi che commettono violazioni dei diritti umani definite "non gravi". "È scandaloso che l'Italia abbia deciso di procedere all'eliminazione di quelle importanti forme di controllo che hanno regolamentato il commercio di armi fino ad oggi", ha commentato Tonio Dell'Olio portavoce della Campagna. Promossa da numerose associazioni, la Campagna ha avuto comunque il merito non solo di tenere viva l'attenzione della società civile sul problema del commercio delle armi, ma anche di salvaguardare varie norme della legge 185/90 come la trasparenza delle transazioni bancarie. La Campagna intende continuare il suo impegno coordinandosi con altre associazioni a livello europeo per rendere vincolante il Codice di Condotta Europeo sul commercio di armi. E' prevista per il 28 marzo l'Assemblea costitutiva dell'Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere (OPAL).

Ultime notizie

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

19 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti