La primavera araba e l'inverno di Tunisi

Stampa

Foto: Fabio Pipinato ®

La “rivoluzione dei gelsomini” cominciò il 17 dicembre 2010, in seguito alla protesta estrema del tunisino venditore di arance Mohamed Bouazizi, che si diede fuoco in seguito a maltrattamenti da parte della polizia. Il gesto innescò la cosiddetta “Primavera Araba”: un effetto domino che si propagò ad altri Paesi del mondo arabo e della regione del Nord Africa. Alla vigilia dello scorso Natale, ad 8 anni dal tragico gesto, un giornalista tunisino sottopagato di nome Abderrazak Zorgui si è dato fuoco in piazza dei martiri di Kasserine postando prima il video su facebook al fine d'incitare altri giovani “disoccupati o sottoccupati” a protestare. 

Adesso a scendere in piazza non sono stati i giovani ma i meno giovani, i tutelati, gli organizzati, coloro che “sanno stare assieme” sotto l'ombrello del potente sindacato UGTT.  Lo sciopero del 17 gennaio 2019 avrà seguito il 20 e 21 febbraio se non vi saranno novità. Tutta la Funzione Pubblica tunisina s'è fermata – 90% dei dipendenti il 17 gennaio. Hanno incrociato le braccia i lavoratori di ministeri, enti centrali e locali, sanità, imprese di trasporto pubblico, aeroporti e porti, ferrovie, tv e radio statali, scuole e università. Ma non i giovani. 

Il nemico con il quale combattere è il Fondo Monetario Internazionale che vorrebbe ridurre il costo della Funzione Pubblica da 15,5% del PIL al 12,5%! Cosa “non facile” con 250 euro al mese di stipendio di media e un aumento promesso da parte governativa di 20 euro. Lo stipendio di un insegnante raggiunge a malapena i 300 euro. Il Sindacato s'è fatto forte della dichiarazione che avveniva oltremare da Bruxelles dove il Presidente della Comissione Europea Juncker dichiarava che era stato troppo duro con la Grecia e che il potere del FMI e relativa austerità andava ridimensionata. 

Ma, lo ripetiamo, di giovani alle manifestazioni non se ne sono visti. L'appello e il sacrificio di Abderrazak Zorgui è caduto nel vuoto. Anzi, nell'etere. I giovani, infatti, riempiono le piazze vituali ma non più quelle reali a differenza dei loro genitori o fratelli maggiori. Eppure 9 anni fa furono quest'ultimi (oggi 30enni) gli artefici delle primavere arabe con una capacità straordinaria di sfidare il potere/poteri passando dalle piazze virtuali a quelle reali. Furono soprattutto le ragazze che dimostrarono la capacità di mobilitazione. 

Impararono però presto che furono usate per spodestare i vari Ben Ali in Tunisia (oggi rimpianto dai più), Hosni Mubarak in Egitto, Gheddafi in Libia fino a Saleh in Yemen per poi venir messe da parte dalle organizzazioni politicalclericali ben strutturate che si presero piazze, palazzi e le riconfinarono a esprimere la propria rabbia nei social. On line, infatti, traspaiono gli stessi slogan di sette anni fa, ripresi dal Fronte Popolare: Pane, acqua e niente Ben Ali” che oggi è traslato in “Pane, acqua e niente Nidaa e Ennadha”, riferendosi ai due partiti del governo di coalizione (liberale e l’islamista). Ora i giovani sono stanchi, stufi, di combattere per gli altri e di ricevere in cambio un tasso di disoccupazione tra i più alti del nord Africa. 

Eppure la Tunisia è forse il paese più liberale di tutto il nord Africa dove la Chiesa Cattolica ha potuto respirare in questi otto anni e dove i diritti delle donne hanno raggiunto un livello che è impensabile altrove. La donna ha gli estessi diritti dell'uomo nell'eredità e nel divorzio e Tunisi ha una sindaca donna. Ma nella contraddizione è un paese che non è riuscito a sconfiggere la povertà, soprattutto al sud e, secondo l'Arcivescovo di Tunisi Mons. Ilario Antoniazzi, si temono per le imminenti elezioni presidenziali – 2019 - la vincita del partito esteremo islamista. Sarebbe una sconfitta non solo per il paese di Annibale ma per tutto il Maghreb. Ed è per questo che si asupica una maggior presenza dell'Italia e di cooperazione con l'Europa al fine di non perdere le conquiste dell'oggi. Al fine (lo dico io) di dare ai giovani un'opportunità che non può essere la BBC: birra, bar e cellulare. 

Insomma, si teme con questi nuovi scioperi, la caduta del premier moderato Youssed Chahed (centrodestra) per l'ignoto. Il fronte popolare di sinistra ne chiede le dimissioni ma non ha ancora indicato una via che concili i prestiti del FMI con le richieste del Fondo stesso se non un'azione poco convincente sull'inflazione.  Abbiamo solo un tempo per dar la parola alla politica; al compromesso. C'è il rischio che tornino nelle strade copertoni bruciati, sassaiole e violenze ingiustificate da parte dell'esercito....e forse è il caso di risedersi al tavolo. Al più presto. E rinegoziare una manovra che non può essere dettata unilateralmente da Washington. 

Fabio Pipinato

Sono un fisioterapista laureato in scienze politiche. Ho cooperato in Rwanda e Kenya. Sono stato parte della segreteria organizzativa dell'Unip di Rovereto. Come primo direttore di Unimondo ho seguito la comunicazione della campagna Sdebitarsi e coniato il marchio “World Social Forum”. Già presidente di Mandacarù, di Ipsia del trentino (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli) e CTA Trentino (Centro Turistico Acli) sono l'attuale presidente di AcliViaggi. Curo relazioni e piante. 

Ultime notizie

Cosa resta della cooperazione internazionale?

24 Agosto 2019
L’ex governo gialloverde lascia una pesante eredità in questo campo soprattutto dando spazio a una diffusa disinformazione. (Lia Curcio)

L'Italia migliore è l'Italia che include/ 2

23 Agosto 2019
Continua il nostro viaggio sull’evoluzione/involuzione della cultura e della politica italiana sul tema dell’inclusione e dell’apertura internazionale. (Fabio Pipinato)

L'Italia migliore è l'Italia che include / 1

22 Agosto 2019
Breve storia di un patrimonio culturale e politico sulla pace, nonviolenza e cooperazione internazionale, che rischia di disperdersi. (Fabio Pipinato)

Laghestel (Trentino), la fragilità dell’uomo e della natura in dialogo

21 Agosto 2019
Un cammino dei sensi per scoprire la natura e se stessi, attraverso l’incontro (Anna Molinari)

La simbiosi tra uomo e ape: perché è necessaria?

20 Agosto 2019
Api e miele, da sempre fedeli compagni della vita dell’uomo, sono già a rischio di estinzione, e con loro il nostro ecosistema. (Marco Grisenti)