La crisi USA-IRAQ secondo Phyllis Bennis

Stampa

L'attuale crisi tra gli USA e l'Iraq è il prosieguo di più di dieci anni di antagonismo tra Washington e Baghdad, che ha visto coinvolto tre amministrazioni americane. Per capire a fondo perché adesso ci troviamo sull'orlo di una guerra, tuttavia, bisogna guardare da vicino agli obiettivi dell'attuale amministrazione Bush, che è spinta al conflitto delle massicce riserve petrolifere irachene e dall'obiettivo di espandere il potere militare statunitense nel mondo.

Il governo iracheno ha indubbiamente un passato brutale, e gli USA ed i suoi alleati non avrebbero mai dovuto facilitarne l'accesso alle armi di distruzione di massa, come hanno fatto nel corso degli anni 80, la decade che ha visto una stretta alleanza USA-Iraq. Non ci sono prove tuttavia che l'Iraq abbia attualmente a disposizione armi di distruzioni di massa funzionanti, o che rappresenti una minaccia immediata per gli Stati Uniti; né che vi sia alcun legame tra l'Iraq e gli eventi del 11 Settembre, nonostante le affermazioni del governo Bush. Una guerra degli USA contro l'Iraq violerebbe la legge internazionale e rafforzerebbe la nostra reputazione di superpotenza arrogante e senza alcuna responsabilità. Gli effetti sarebbero particolarmente drammatici in Medio Oriente, dove molti governi sono in equilibrio precario tra una popolazione sempre più indignata e le richieste di Washington, da cui dipendono per gli aiuti militari ed economici. Una guerra causerebbe grandi sofferenze in Iraq, già devastato dalla guerra del 1991 e da anni di sanzioni economiche rovinose, ed esporrebbe altri a gravi rischi, inclusi decine di migliaia di soldati americani.

Se gli USA fossero lungimiranti, cercherebbero di lavorare attraverso le Nazioni Unite per promuovere il disarmo, i diritti umani e la democrazia interna ed in tutta la regione, e perseguirebbero politiche energetiche interne al fine di ridurre la nostra dipendenza dal petrolio e dunque i nostri interventi nel Golfo Persico e altrove.

Fonte: Zmag Italy

Ultime notizie

Mali, cibo per un anno per 1.200 persone

15 Febbraio 2019
Grazie a un’iniziativa di cooperazione di Ipsia del Trentino, un convoglio umanitario ha raggiunto una zona del Paese colpita da una grave carestia. (Fabio Pipinato

Brasile: alla polizia licenza di uccidere

14 Febbraio 2019
Lo ha detto fin dal primo giorno, carta bianca alla polizia, carta bianca per uccidere. Non ce n’era bisogno, basta leggere i dati ufficiali divulgati dalle agenzie internazionali e dallo stesso go...

Le diseguaglianze crescono: perché?

14 Febbraio 2019
Le ragioni di questo gravissimo fenomeno sono complesse e molteplici, ma forse si può fare un po’ di chiarezza (Marco Grisenti).

Contro la desertificazione? Un deserto di iniziative!

13 Febbraio 2019
La desertificazione colpisce l’8% del territorio dell’Unione europea, in particolare l’Europa meridionale, orientale e adesso anche quella centrale. Che fare? Nulla! (Alessandro Graziadei)

Libano sorpresa per Usa e Israele, nuovo governo targato Hezbollah

13 Febbraio 2019
Libano, dopo nove mesi di trattative. Il premier Saad Hariri guiderà un esecutivo di unità nazionale formato da trenta ministri e, di fatto, controllato dal movimento sciita alleato di Siria e Iran...