La classifica della sete

Stampa

È il Kuwait, con i suoi 10 metri cubi (mc) d'acqua pro capite il fanalino di coda della classifica sulla disponibilità d'acqua, inserita nel rapporto dell'Unesco. Lo seguono la Striscia di Gaza (52 mc) e gli Emirati Arabi (58 mc). I paesi più ricchi d'acqua sono invece la Guyana Francese con oltre 800mila metri cubici e l'Islanda (circa 60.000 mc).

Per quanto riguarda la qualità delle risorse idriche, guidano la classifica Finlandia, Canada e Nuova Zelanda. Fanalino di coda il Belgio, a causa delle pessime acque sotterranee e dell'inquinamento industriale. Ma nove paesi sui dieci con peggiore qualità Idrica appartengono al Sud del mondo come Marocco, India, Giordania e Sudan.

Per farsi un'idea della qualità dell'acqua nel mondo basti pensare che ogni anno vengono riversati nei corsi d'acqua 2 milioni di tonnellate di sostanze inquinanti. Considerando che ogni litro di liquame può inquinare otto litri di acqua pulita, il rapporto stima un totale di 12mila kilometri cubici di risorse idriche inquinate. Ossia più della massa d'acqua contenuta nei 10 fiumi più lunghi del mondo.

Ultime notizie

Terra di confine

16 Settembre 2019
Prosegue il mio viaggio nel "cratere" del Centro Italia. (Matthias Canapini)

Leah, la Greta d’Africa che sciopera da otto mesi in Uganda

15 Settembre 2019
C’è una ragazzina combattiva e determinata come Greta anche in Africa. Si chiama Namugerwa Leah, ha 15 anni e vive in Uganda. (Jacopo Storni)

Europa e Tunisia: un rapporto di buon vicinato?

14 Settembre 2019
Da tempo si discute di un accordo di libero scambio tra la UE e il Paese africano. Ma tra il dire e il fare c’è anche di mezzo l’olio… (Ferruccio Bellicini

Flat tax, disuguaglianze e le tasse dei futuri governi

13 Settembre 2019
Il cambiamento sociale dipende dalla distribuzione della ricchezza: le tasse vanno diminuite ai lavoratori e aumentate ai più ricchi.  Un pezzo di Salvatore Morelli, economista e membro d...

Analisi di un “disastro ambientale”

13 Settembre 2019
Quando si parla di “disastro ambientale” ci si riferisce spesso ad una calamità naturale. Tuttavia questo termine, se usato impropriamente, può generare confusione. (Lucia Michelini)