La Grecia e i suoi salvagente!

Stampa

Negli ultimi cinque anni l’economia della Grecia si è contratta del 25% portando la disoccupazione generale al 30%, quella giovanile al 50% e il reddito pro-capite verso un calo del 28%. Il nuovo rapporto annuale UNICEF La condizione dell'infanzia in Grecia 2016 - I bambini a rischio elaborato insieme ad un team scientifico guidato dall’Università Democritea di Tracia e presentato ad inizio mese ha confermato il drammatico peggioramento delle condizioni di vita dei greci ed in particolare dei bambini: “la povertà infantile è aumentata tra il 1995 e il 2015 del 6,3% cioè, in termini assoluti, 122.340 bambini in più si sono confrontati con il rischio di povertà”. Nel 2014 la povertà infantile era al 25,3% con un totale di 424.000 bambini che vivevano in povertà, un aumento di 3 punti percentuali rispetto al 2010 (22,3%). Il livello di deprivazione materiale, che per l'UNICEF nel 2015 nelle famiglie con bambini era al 26,8%, riflette abbastanza bene la debolezza economica nell’acquistare beni ritenuti opportuni o necessari per una vita soddisfacente, un indicatore che oggi in Grecia distingue le persone che non possono permettersi l’acquisto di un determinato bene o servizio da quelle che non vogliono o non ne hanno bisogno. 

In questo contesto economico e sociale domenica 8 maggio il Governo di Syriza ha approvato in extremis e quasi senza alternative, un pacchetto di provvedimenti su pensioni e tasse, con l’obiettivo di rispettare le richieste che permetteranno di portare a casa le prossime tranche di aiuti dall’Europa, evitando un nuovo rischio default. La riforma è passata dopo due giorni di dibattito e con una maggioranza risicata: 153 voti favorevoli contro 144 contrari. Un pacchetto che vale 5 miliardi di euro, proprio come richiesto da Europa e FMI, che prevede un aumento delle tasse per circa 3.6 miliardi di euro con l’Iva che passa dal 23% al 24%. Una riforma che ha portato in piazza a protestare tra Atene e Salonicco circa 25mila persone, ma che Tsipras ha blindato con alcuni salvagenti: “Il 90% degli assegni previdenziali non sarà toccato” e “il peso della crisi è spostato su chi può permettersi di pagare un po’ di più” grazie all'innalzamento della “tassa di solidarietà” sui redditi più alti, ha affermato il premier greco.

Ma i salvagenti che fanno notizia non sono solo quelli di Tsipras, ma anche quelli di Jai e Irene. Poco più di 50 anni in due, la laurea conseguita in Inghilterra e tanta voglia di fare che li ha portati a fondare Odyssea, una ong che dallo scorso ottobre ripulisce le spiagge di Lesbo dai giubbotti salvagente lasciati dietro di sé da migliaia di migranti in arrivo dal mare, provando a dare a salvagenti e rifugiati una seconda vita. A Jai, greco ma che deve il suo nome alla madre indiana, l’idea viene servendo pasti ai rifugiati con un’associazione di volontariato. Allora improvvisava tende di fortuna con i gommoni spiaggiati. “Tutto è iniziato in maniera molto casuale, quando sono venuto a Lesbo - ha racconta Jai Mexis - cercavo una soluzione al problema ambientale conseguente all’immigrazione. Era però già qualcosa di più di un esperimento: volevo dimostrare che anche per noi giovani greci c‘è spazio. Che tornando in patria possiamo creare qualcosa anche dalla semplice spazzatura composta anche da giubbotti salvagente” una materia prima a costo zero, che certo a Lesbo non manca. Così è partito un laboratorio, in cui componenti e tessuti dei giubbotti salvagente vengono recuperati e ri-assemblati per farne borse, astucci, portafogli o materassini, di grande utilità e non solo per gli stessi migranti che li confezionano.

“All’inizio i rifugiati non parlano neanche - ha raccontato Irene Pfisidi, compagna di Jay e coordinatrice di Odyssea - Sono terrorizzati, perché non sanno cosa li attende. I giubbotti salvagente però li conoscono bene, perché li hanno indossati per venire dalla Turchia. In qualche modo si tratta per loro anche di un esperimento volto ad esorcizzare il trauma della traversata”. È quanto prova a fare Roheen: afghano, 22 anni, è uno dei pochi sopravvissuti al naufragio dell’imbarcazione con cui è arrivato dalla Grecia. Tra chi non ce l’ha fatta, anche sua madre. “Ogni volta che vedo questi giubbotti salvagente è un pugno nello stomaco. È talmente dura che fatico a trattenere le lacrime. Rivedo mia madre. E rivedo la guardia costiera che mi dice che è stata inghiottita nel mare, che non sono riusciti a trovarla. Ora però i salvagente sono un'opportunità!" ha spiegato.

Tra poche settimane alla vendita nei negozi si affiancherà anche quella in rete. Il vero obiettivo è però diventare una risorsa per l’isola. “Questo è solo l’inizio, - ha detto Apostolos Staikos di Odyssea - l’ambizione è creare una piccola azienda, qui a Lesbo, che converta questi giubbotti salvagente in borse e altri articoli commerciali. Se il progetto andasse in porto, la metà dei dipendenti sarebbero isolani e la metà rifugiati. Ma perché ciò possa accadere, a questi ultimi dovrà anzitutto essere accordato il permesso di lavoro”. Un fatto non scontato visto che l’accordo firmato il 18 marzo scorso tra Unione europea e Turchia sui migranti ha già visto i primi trasferimenti in Turchia di migranti e rifugiati, siriani compresi, entrati irregolarmente in Grecia e per ora non ha migliorato i rapporti tra il vecchio continente e Ankara e tanto meno la condizione dei migranti. In poche settimane, infatti, si sono moltiplicate le denunce da parte di organizzazioni umanitarie contro il trattamento delle autorità turche nei confronti dei profughi, con Human Rights Watch che il 10 maggio ha denunciato addirittura “guardie di frontiera turche che sparano sui richiedenti asilo siriani che cercano di raggiungere la Turchia”. Siamo sicuri che la soluzione migliore per i migranti e l'Europa sia rispedirli in Turchia? Perché l'accoglienza è questione di diritti, civiltà, ma anche calcolo economico.

Alessandro Graziadei

Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Ultime notizie

Non gridate al lupo, al lupo. C’è l’Unione europea!

18 Dicembre 2018
Il successo della salvaguardia dei grandi carnivori in Europa sta facendo aumentare le possibilità di conflitto tra uomo e fauna selvatica. Che fare? (Alessandro Graziadei)

Pensare globale nell'era dei cambiamenti climatici

17 Dicembre 2018
Numerosi gruppi indigeni, soprattutto donne, negli ultimi anni hanno creato una forte e solida rete che va rafforzandosi sempre più. (Roberta Pisani)

Un nuovo tipo di trattato ambientale: il Global Pact

16 Dicembre 2018
Il clima ha bisogno di nuovo trattato internazionale: la cosiddetta Bozza del Patto Globale sull’Ambiente. (Giulia De Nadai)

Come l’arte può influenzare la politica: The 50 State Initiatives

15 Dicembre 2018
Negli Stati Uniti, in occasione delle elezioni di mid term, si è svolta la più grande campagna di arte pubblica del Nord America. (Marta Cacciavillani)

Gli scienziati avvertono: “Il tempo sta per scadere, occorre agire subito”

14 Dicembre 2018
A quasi due mesi di distanza dalla pubblicazione del rapporto speciale sull’impatto del riscaldamento globale di 1.5°, i rappresentanti dell’IPCC sono stati invitati alla Conferenza ONU sul Clima&n...