L’arma più «abominevole e barbara mai concepita»

Stampa

Foto: Icrc.org

Già vent’anni fa, Kofi Annan aveva definito le mine antiuomo come l’arma più «abominevole e barbara mai concepita» ma ancora oggi questi ordigni, seppur messi al bando dal diritto internazionale (Convenzione di Ottawa del 1997) continuano a mietere migliaia di vittime e, quando non uccidono, mutilano e causano invalidità permanenti. Lo fanno in modo subdolo perché restano ad infestare il suolo quando, ormai in tempo di pace, le persone che lì vivono sono ignare del pericolo. Ancora nel 2017-2018, venti persone ogni giorno sono morte o rimaste invalide perché vittime di una mina o ordigni affini (dati dal Rapporto annuale dell’Osservatorio sulle mine).

Addirittura in Italia, a ormai a 70 anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, decine di persone ne sono rimaste ferite negli ultimi anni, proprio come è successo ad un giovane in Valsusa: il 2 marzo 2013 a Novalesa, intento a giocare in un campo insieme a due suoi amici, il quindicenne Nicolas Marzolino trova un involucro,«una cosa rossa, argentata e lucida», ha raccontato il ragazzo oggi ventenne a Rai News. Inconsapevoli del pericolo, i ragazzi hanno giocato con questo strano oggetto, che è poi esploso tra le mani di Nicolas, costringendolo a rimanere senza vista e privo di una mano. Da allora, il ragazzo è diventato socio dell’Associazione Vittime di Guerra, per la quale testimonia e denuncia le tragedie a cui costringono gli ordigni inesplosi. Oggi, il giovane dice: «Il mio incidente è inammissibile in un Paese in pace da 70 anni. Mi chiedo: gli ordigni della Striscia di Gaza, dell’Afghanistan, della Siria, per quanto rovineranno e uccideranno esseri umani?».

La risposta a questa domanda è purtroppo drammatica. Il Rapporto dell’Osservatorio sulle mine, reso noto dalle Nazioni Unite,riporta che nel 2017-2018le vittime delle mine e di ordigni affini sono state più di 7.200, in 49 paesi, inclusi quelli in cui i conflitti sono terminati ma dove restano vaste aree minate (come in Angola, Mozambico, Birmania, Colombia, Azerbaigian o il confine tra Etiopia ed Eritrea) ma la maggioranza si registrano in Siria ed Afghanistan, paese quest’ultimo dove 45.000 persone hanno perso almeno un arto 

È sconcertate leggere questi rapporti e scoprire, da un’indagine realizzata in Afghanistan (fonte Croce Rossa Internazionale) chele vittime delle mine vengono colpite solo per il 13% durante azioni militari. La maggior parte degli incidenti avvengono nelle azioni di vita quotidiana: ad esempio, 2 persone su 10 tra le vittime, sono rimaste uccise o ferite da una mina durante il lavoro nei campi, il 15% durante i viaggil’8% durante il giocoQuesti ordigni quindi colpiscono, anche ad anni di distanza dai conflitti, persone innocenti, contadini che tornano a lavorare i campi ma soprattutto i bambini.

UNRIC (Centro Regionale delle Informazioni delle Nazioni Unite) spiega che i bambini vengono irrimediabilmente attratti dalle mine dato che assomigliano a dei giochi perché sono spesso colorate e luccicanti. Accade sovente che il bambino richiami altri bambini e insieme si mettono a maneggiare la mina, quindi purtroppo quando esplode si hanno più vittime. I bambini ed in particolare quelli rifugiati e sfollati sono quelli più in pericolo perché giocano in zone pericolose. Le mine antiuomo rovinano la vita di questi bambini che resteranno mutilati. Le lesioni provocate dalle mine infatti, includono la perdita degli arti, della vista o dell’udito con la conseguente inabilità permanente. 

L’Osservatorio sulle mine sottolinea come accanto alle mine industriali siano sempre più diffusi gli ordigni di fabbricazione artigianale, utilizzati da gruppi armati non governativi. Nel 2017-2018, il rapporto ha documentato che sicuramente gruppi armati hanno fatto ricorso a questi ordigni in Afghanistan, Colombia, Myanmar, Nigeria, Pakistan, Tailandia e Yemen, mentre sottolinea di non essere in grado di confermare l’utilizzo di mine antiuomo da parte delle forze governative siriane, data la difficoltà di accedere a fonti indipendenti. Tra le 7.200 vittime registrate dal Rapporto 2018 dell’Osservatorio, quasi 2.800 sono morte e nella maggior parte dei casi gli incidenti hanno riguardato civili (87%) di cui quasi la metà sono bambini.  

Nel 1997, a seguito della Campagna Internazionale per la messa al Bando delle Mine Antiuomo (di cui esiste anche un ramo italiano138 paesi hanno firmato il Trattato di Ottawa tra cui l’Italia, che all’inizio degli anni Novanta “vantava” una grande produzione di mine e che ancora oggi deve fare i conti con le migliaia di mine made in Italy ancora disseminate nel mondo (come documentato in Iraq). Il Trattato di Ottawa, è entrato in vigore nel 1999 e sancisce la proibizione di uso, stoccaggio, produzione e vendita di mine antiuomo e relativa distruzione in tutti i paesi del mondo. Diversi, troppi sono gli stati ancora non firmatari, tra i quali Stati Uniti, Corea del Nord, Cina, Russia, Cuba e Israele.

Lia Curcio

Sono da sempre interessata alle questioni globali, amo viaggiare e conoscere culture diverse, mi appassionano le persone e le loro storie di vita in Italia e nel mondo. Anche per questo, lavoro nella cooperazione internazionale con il ruolo di comunicazione ed ufficio stampa per una Ong italiana. Parallelamente, mi occupo di progettazione in ambito educativo, interculturale e di sviluppo umano. Credo che i media abbiano una grande responsabilità culturale nel fare informazione e per questo ho scelto Unimondo: mi piacerebbe instillare curiosità, intuizioni e domande oltre il racconto, spesso stereotipato, del mondo di oggi.

Ultime notizie

Confrontarsi con la tossicodipendenza

23 Marzo 2019
Come sta evolvendo il mondo della tossicodipendenza? Ne abbiamo parlato con il SerD (Servizio per le Dipendenze) di Trento. (Novella Benedetti)

“Acqua per tutti, non lasciamo indietro nessuno”

22 Marzo 2019
“Acqua per tutti, non lasciamo indietro nessuno” è l’appello delle Nazioni Unite per la Giornata Mondiale dell’Acqua di quest’anno, il 22 marzo 2019. (Lia Curcio)

Preoccupazione per una spedizione dell'Agenzia brasiliana per gli Affari Indigeni

21 Marzo 2019
L'Associazione per i Popoli Minacciati esprime la sua profonda preoccupazione per la spedizione organizzata dall'Agenzia brasiliana per gli Affari Indigeni partita per regione amazzonica di fr...

La terra che dorme

21 Marzo 2019
A Ulan Udè (la Porta Rossa) diparte la Transmongolica, ferrovia a binario unico e non elettrificata, che attraversa la Mongolia passando per Ulan Bator. (Matthias Canapini)

Jair Bolsonaro e il futuro dei circa 300 popoli indigeni

20 Marzo 2019
Bolsonaro fin dal primo giorno di mandato non ha perso occasione per attaccare i diritti territoriali dei popoli indigeni del Brasile. (Alessandro Graziadei)