L'allargamento della NATO e spese militari

Stampa

Indymedia Praga - No alla NATO

Tre sono i principali temi che i paesi NATO stanno discutendo al vertice di Praga: l' allargamento, la revisione delle risorse e la nuova dottrina. L'allargamento prevede l'invito ai paesi dell'est (Estonia, Lettonia, Lituania, Slovenia, Slovacchia, Bulgaria e Romania) ad entrare nell'organizzazione aggiungendosi agli attuali 19 membri. Ma chi pensava che l'espansione dell'alleanza portasse ad una progressiva diluizione della sua identità militare a favore di un ruolo più politico dovrà probabilmente ricredersi: andando oltre alla tradizionale definizione di "autodifesa collettiva" la Nato sta infatti costituendosi una forza di intervento nei "conflitti preventivi". Significativa in questo senso è la costituzione di un esercito europeo che si proporrebbe come struttura parallela alla NATO, specializzato negli interventi all'estero. E' previsto entro il 2003 un corpo militare di 60.000 soldati. Se al vertice di novembre prevarranno i falchi, anche l'Unione verrà risucchiata nel vortice del rilancio delle spese militari consegnandosi al ruolo di cliente della macchina da guerra americana. Numerose le proteste di chi si oppone a questa nuova logica del riarmo e della guerra preventiva che riconosce la necessità di un'intervento armato in Iraq. Tra le azioni contro le spese militari è da segnalare il "digiuno per una finanziaria di pace", proposto e attuato da un gruppo obiettori del Gavci di Bologna.
Pubblicato il: 20.11.2002
" Fonte: » Movimento Nonviolento, No-Nato, Indymedia Praga, Antinato, Gavci;

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...