Italia: passa l'emendamento della Lega Nord pro-tortura

Stampa

L'aula di Montecitorio - da Rainews24

Nonostante il parere contrario della Commissione Giustizia, ieri la Camera ha approvato un emendamento della Lega Nord secondo cui perché si possa ravvisare il reato di tortura ci devono essere "violenze e minacce reiterate".

"Quante volte occorrerà torturare prima che si possa parlare di tortura?" - chiede Amnesty International. "Iniziamo male, con un emendamento che, se confermato nel testo finale, significherà che l'Italia non vuole adeguarsi al diritto internazionale dei diritti umani e in particolare alla Convenzione dell'Onu contro la tortura, che il nostro paese ha ratificato nel 1988" - ha dichiarato Marco Bertotto, presidente della Sezione italiana di Amnesty International. "Questo emendamento stravolge la definizione di tortura, limitando in modo inaccettabile la nozione ai comportamenti ripetuti, mentre è evidente che può aversi tortura anche in presenza di condotte singole purché sufficientemente gravi" - conclude Bertotto.

La Camera dei Deputati aveva iniziato ieri l'esame degli emendamenti alla proposta di legge sull'introduzione del reato di tortura nel codice penale italiano. Nonostante il parere contrario della Commissione Giustizia, i deputati del Carroccio "passano all'attacco" - nota Rainews 24 - e in Aula la situazione si capovolge: il centrodestra dice sì all'emendamento della Lega. I deputati del centrosinistra abbandonano l'emiciclo per protesta e il ministro Roberto Maroni commenta oggi dalle pagine di Repubblica: "La sinistra sbraita, lasciamola sbraitare. Questi sono i temi della Lega". Il presidente della Commissione giustizia Gaetano Pecorella dichiara che il ripensamento della maggioranza è il frutto di un accordo politico "tardivo", e ieri a fine giornata avrebbe cercato di rasserenare gli animi assicurando che il testo sarà nuovamente modificato grazie ad un nuovo emendamento.

Nei giorni scorsi una delegazione composta da rappresentanti della Sezione Italiana di Amnesty International, guidati dal presidente Marco Bertotto e Aldo Forbice, conduttore della trasmissione radiofonica della Rai Zapping, aveva incontrato il presidente della Camera dei Deputati on. Pier Ferdinando Casini per consegnargli le 20.000 firme raccolte dall'appello di Amnesty e Zapping "No alla tortura subito", a sostegno della richiesta di introdurre urgentemente il reato di tortura nel codice penale italiano. [GB]

Ultime notizie

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

L’Africa sempre più dimenticata

21 Giugno 2019
Gli ultimi dati sull’informazione che danno i telegiornali italiani sul Sud del mondo sono sconfortanti. Ma gli utenti possono fare qualcosa. (Piergiorgio Cattani)

Brasile in piazza contro Bolsonaro e poi il ‘Moro della vergogna’

21 Giugno 2019
Primo sciopero da quando Bolsonaro è Presidente, contro l’aumento dell’età pensionabile e contro l’economia che non riparte. E poi lo scandalo di Sergio Moro, ‘il Moro della vergogna’, giudice a ma...