Intervita: il Niger infetta il 70% dei bambini del Mali

Stampa

da intervita.it

Secondo Intervita in Mali il 70% della popolazione infantile è colpito da una malattia, bilharziosis, che si contrae al contatto con acque dolci. La bilharziosis è, dopo della malaria, la seconda parassitosi mondiale, perché colpisce più di 250 milioni di persone nel mondo, di cui 213 milioni vivono nell'Africa sub-sahariana. Le rive del Niger sono una delle zone dove la malattia è più presente. In Mali, Dogon è uno dei posti più colpiti, qui il 77% degli adolescenti e il 50% dei bambini in età scolare soffrono gli effetti della bilharziosis, mentre a Sègou il 70% dei bambini tra i 7 e i 14 anni è infettato dalla malattia.

Attività come lavare, nuotare o giocare nelle acque del fiume Niger, camminare a piedi nudi in risaie o terreni fangosi espongono alla malattia in modo molto rischioso. Nella prima fase, la malattia si manifesta con eruzioni cutanee e febbre, ed in seguito compaiono altri sintomi come dissenteria, dimagrimento ed infiammazione del fegato. Nella sua forma più grave, l'infezione provoca danni a lungo termine alla vescica, ai reni e al fegato che con il tempo possono degenerare in cancro e insufficienza renale. Il miglior modo per combattere la bilharziosis, per cui non esiste ancora un vaccino, è prevenirla, migliorando le abitudini igieniche e di utilizzo dell'acqua.

Intervita in Mali sostiene oltre 4.000 bambini e le loro famiglie e per contrastare la malattia infettiva ha attivato a Segou il centro specialistico Famory dove vengono somministrate cure specifiche e in cui vengono effettuate delle campagne di sensibilizzazione e prevenzione. "Nei Paesi in via di sviluppo - dichiara Marco Di Mauro, Direttore Generale Intervita- l'incidenza della mortalità e delle malattie causate dall'acqua contaminata è 240 volte superiore rispetto ai Paesi sviluppati.". "Nel nostro centro medico in Mali -prosegue Di Mauro- oltre il 21% delle consulenze negli ultimi quattro mesi è legato alla bilharziosis; in occasione della Giornata dell'Africa non possiamo dimenticare che i bambini al di sotto dei 5 anni sono le maggiori vittime della malattia".

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...