Informazione a rischio e divario digitale

Stampa

Digital Divide in Africa

Sono tante e significative le adesioni all'appello per un servizio radiotelevisivo pubblico promosso dall'Arci. Nel testo si ribadisce la necessità di rilanciare l'idea di un servizio pubblico autonomo, indipendente e pluralista, ma anche l'esigenza di un suo profondo rinnovamento e riqualificazione, che gli ridia senso e identità. Il prossimo 7 marzo riprenderà la trasmissione Report con due servizi sul petrolchimico di Venezia e il caso della mucca pazza. Caso preoccupante a Roma, dove "con un atto insensato e immotivato il Ministero delle Telecomunicazioni ha comunicato a Radio Onda Rossa l'intenzione di procedere alla revoca dell'autorizzazione a trasmettere sulla frequenza degli 87.900", procedimento che equivale alla chiusura della radio. Violazione di libertà d'informazione è considerata da Reporter Senza Frontiere la decisione delle autorità del Ciad di sospendere per tre settimane le trasmissioni dell'emittente radiofonica Fm-Liberté, accusata di "turbare l'ordine pubblico". L'emittente radiofonica aveva informato delle accese manifestazioni studentesche organizzate il 30 gennaio scorso. L'accesso all'informazione in Africa rimane ancora un privilegio dei più ricchi: se la maggior parte degli africani non può ancora permettersi una linea telefonica privata, in Senegal è ormai possibile contattare per telefono più del 70% della popolazione. Oneworld invita a partecipare alla preparazione del lancio ad aprile di un portale sul divario digitale.
Pubblicato il: 14.02.2002
" Fonte: » Arci, Italian Senza Frontiere, Information Guerriglia, Radio Onda Rossa;
" Approfondimento: » Digital Freedom Network, Telecomunicazioni in Africa, Digitaldividenetwork, Africa'nti, Camnet in Camerun;

Ultime notizie

Il Premio Goldman a un difensore mapuche del territorio

22 Maggio 2019
Il premio, ritenuto una sorta di “Nobel ambientale”, è il più importante riconoscimento per chi difende i diritti dell’ambiente. (Michela Giovannini)

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Lo schiaffo dell’Onu è a tutti noi

20 Maggio 2019
“Le leggi volute dal governo italiano sul tema migranti sono contrarie ai  diritti  umani”. Le Nazioni Unite strigliano l’Italia. Forse dovrebbero strigliare gli italiani. Solo...

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)