Il progresso è in tavola (e non funziona)

Stampa

“La nostra specie accumula progresso, ma non sollievo” ha detto lo scrittore Erri De Luca. Uno spunto utile per riflettere su alcuni recenti risultati del progresso scientifico e medico applicato al settore alimentare. Sia chiaro, il progresso ha contribuito a migliorare ed allungare le nostre vite e non è certo lui che va messo in discussione, quanto piuttosto l’uso che talvolta ne viene fatto. Perché in campo alimentare il progresso fino ad oggi ha avuto principalmente un fine: massimizzare i profitti e non per forza migliorare la qualità e la quantità di quello che mangiamo, come prometteva la favola degli ogm, che solo 20’anni fa Monsanto ed altre multinazionali garantivano avrebbe “sfamato il mondo”. Insomma appare sempre più strano immaginare come oggi varietà resistenti agli erbicidi possano avere vantaggi di crescita senza l’acquisto del relativo erbicida o varietà di mais resistenti all’attacco dei parassiti possano crescere senza dosi massicce di fertilizzanti. Tutte condizioni con enormi limiti ecologici e sanitari che non hanno cancellato la fame nei paesi in via di sviluppo.

A metterlo nero su bianco, ultimo in ordine di tempo, è stato il New York Times che ha recentemente pubblicato una lunga inchiesta sui risultati dell’agricoltura geneticamente modificata negli USA. Partendo dai dati delle Nazioni Unite, il quotidiano newyorkese è giunto alla conclusione che “questa tecnologia non ha assicurato né maggiori rese agricole né una diminuzione nell’uso dei pesticidi", smentendo entrambe le grandi promesse su cui fanno leva da sempre i sostenitori degli ogm. In particolare, si legge “durante gli ultimi due decenni nelle coltivazioni di granturco, cotone e soia degli Usa l’irrorazione di erbicidi è cresciuta del 21%, l’opposto di un trend che in Francia, ad esempio, ha portato a una riduzione del 36% di queste stesse sostanze”. Chi ci guadagna? Non certo la sicurezza alimentare mondiale. Tanto meno i consumatori a stelle e strisce. A guadagnarci sono sempre i colossi dell’agroindustria, perché quasi sempre le stesse multinazionali che vendono i semi ogm commercializzano anche i pesticidi più adatti a trattarli.

Il paragone con l’Europa occidentale, in gran parte priva di ogm, per gli USA è poco entusiasmante anche dal punto di vista dei risultati: “le rese agricole europee non si discostano da quelle americane nella produzione di mais e barbabietola da zucchero, superandole addirittura nella produzione di colza”. Certo l’inchiesta del New York Times è stata criticata dai potenti mezzi comunicativi a servizio dell’industria delle tecnologie ogm (tra cui la Monsanto), che suggerisce come altre comparazioni portino a ben altri risultati. Vero, ma difficilmente sembra possibile falsificare le conclusioni generali confermate anche dal mercato, visto che l’ultimo rapporto dell’Associazione delle Aziende del Biotech (Isaaa) parla di un inequivocabile “calo nelle coltivazioni mondiali di ogm pari a 1,8 milioni di ettari tra il 2014 e il 2015”

Un problema solo degli USA? Anche se attualmente non ci sono colture ogm in Italia, se non a livello sperimentale, non significa che il nostro sia un Paese “ogm free”. Infatti la gran parte dei mangimi utilizzati negli allevamenti italiani, eccetto quelli biologici, è prodotta a partire da soia e mais geneticamente modificati importati da Stati Uniti, Canada e America Latina. Ma il Belpaese detiene un diverso e poco edificante primato. Secondo il nuovo report dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse in inglese Oecd) sull’utilizzo di antibiotici e sul fenomeno dell’antibiotico resistenza, negli ultimi 10 anni il consumo di antibiotici nei 34 paesi dell’Ocse è cresciuto in media del 4% raggiungendo una media di 20,5 dosi ogni 1.000 abitanti. Il 70% degli antibiotici venduti in Europa non è però utilizzato per le persone, ma negli allevamenti intensivi di animali, per fronteggiare le scarse condizioni igieniche, il sovraffollamento e lo stress che generano le numerose malattie che colpiscono gli allevamenti. Di conseguenza, o direttamente attraverso il consumo di carne, latte e derivati, o indirettamente attraverso le deiezioni degli animali che raggiungono le falde acquifere inquinando l’ambiente, gli antibiotici arrivano fino a noi. Così, quando è davvero necessario usarli, diventano inefficaci come succede in Italia, che per l’Ocse è il paese che fa registrare uno dei peggioramenti più preoccupanti “passando da una resistenza agli antibiotici intorno al 17% nel 2005 a circa il 33% nel 2014”.

Per il report l’Italia è il terzo paese nella particolare classifica della resistenza al trattamento a base di antibiotici, dietro soltanto alla Turchia e alla Grecia. Un problema di salute e a cascata anche economico visto che, come riferisce l’Ocse, “l’antibiotico resistenza pone un onere significativo sui sistemi sanitari e i bilanci nazionali. Gli ospedali in area Ocse spendono, in media, tra i 10.000 e i 40.000 dollari per il trattamento di un paziente infettato da batteri resistenti. I costi sociali possono essere alti come i costi sanitari, a causa della perdita di produttività e di reddito. È tutto ciò è preoccupante perché stiamo andando verso una era post-antibiotica, dove le infezioni comuni possono diventare, ancora una volta, fatali”. Alla luce di queste recenti indagini non sembra stupido ripensare l’uso del progresso in campo alimentare, senza più barattare il profitto con la nostra salute e la pessima qualità di quello che mangiamo.

Alessandro Graziadei

Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Ultime notizie

I rifugi come palestra di cambiamento

23 Giugno 2018
Fortemente voluta dall'Accademia della Montagna, il 24 giugno si celebra la terza edizione della Giornata Europea della montagna. Ecco tutte le novità. (Novella Benedetti)

Ecuador: progetto “sognando per il cambio”

22 Giugno 2018
Quando i destini di bambini e volontari s’incontrano e creano un legame incorruttibile. (Marco Grisenti)

Caritas Libano: qui sì è difficile il peso dell’accoglienza

21 Giugno 2018
I vescovi maroniti invocano un ritorno sicuro e dignitoso dei rifugiati. Ma mancano le garanzie di pace e sicurezza. P. Karam: la comunità internazionale deve promuovere un processo di pace in Siri...

#laRAIchevorrei: innovazione, sostenibilità e crisi dimenticate

21 Giugno 2018
Tra le polemiche che ruotano intorno al Governo Lega-M5s si affacciano anche quelle legate alle nomine in seno alla RAI. (Anna Toro)

Nuovi legami tra Russia, Cina e Medio Oriente

20 Giugno 2018
Più che rientrare a far parte del G8, la Russia sembra interessata a consolidare i rapporti con la Cina. La sempre maggiore influenza di queste due potenze nello scacchiere mediorientale, inoltre,...