I mondiali di calcio della tolleranza

Stampa

© Progetto Ultrà - Mondiali Antirazzisti

Si stanno svolgendo in questi giorni a Montecchio i Mondiali di calcio Antirazzisti. Si tratta di un'iniziativa che dal 1997 offre ai partecipanti - che appartengono a culture, religioni, colori e sessi diversi - occasioni di socializzazione mirate alla conoscenza reciproca, al dialogo e al confronto tramite il linguaggio universale dello sport. Alla manifestazione parteciperanno, tra gli altri, tifosi inglesi, tedeschi e polacchi⅀; gruppi di ultras italiani, comunità di immigrati provenienti da Senegal, Cile, Kosovo, Pakistan, Nigeria⅀ . Si giocherà con palloni certificati dal marchio equo e solidale, cuciti cioè senza sfruttamento del lavoro minorile. Unica nota negativa, evidenziata da Carlo Balestri, responsabile di Progetto Ultrà è l'indifferenza delle società calcistiche italiane rispetto all'iniziativa.
Pubblicato il: 05.07.2002 " Fonte: » Progetto Ultrà, Sherwood Informazione, Consumi etici, Ctm Altromercato;
" Approfondimento: » Un altro mondiale è possibile

Ultime notizie

Il Premio Goldman a un difensore mapuche del territorio

22 Maggio 2019
Il premio, ritenuto una sorta di “Nobel ambientale”, è il più importante riconoscimento per chi difende i diritti dell’ambiente. (Michela Giovannini)

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Lo schiaffo dell’Onu è a tutti noi

20 Maggio 2019
“Le leggi volute dal governo italiano sul tema migranti sono contrarie ai  diritti  umani”. Le Nazioni Unite strigliano l’Italia. Forse dovrebbero strigliare gli italiani. Solo...

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)