Etiopia: sono migliaia i bambini di strada

Stampa

Il ministero del lavoro e affari sociali etiope ha denunciato il preoccupante aumento del numero di ragazzi di strada nel suo Paese. Sono infatti ormai decine di migliaia i minori, alcuni dei quali anche di quattro anni, costretti a un'esistenza squallida e pericolosa. L'United Nations Children Fund (UNICEF) stima da 50.000 a 60.000 i bambini di strada presenti solo nella capitale. Angela Walker, portavoce dell'UNICEF, dichiara che "i bambini di strada in Etiopia sono vittime di molti pericoli, tra cui gli abusi sessuali, prostituzione e il rischio di contrarre l'Aids". Anche l'abbandono di neonati è purtroppo in aumento in Etiopia. Le cause di questo dramma sono da ricercarsi nel susseguirsi di carestie e nella grave crisi economica che ha devastato le regioni coinvolte nella guerra con l'Etiopia. Le fortissime tensioni politiche tra i due paesi, riaccese dall'accordo firmato all'Aia lo scorso mese, ha portato intanto il governo etiope a chiudere i propri confini a tutti gli inviati delle Nazioni unite presenti nel Corno d'Africa per il cessate il fuoco tra Etiopia ed Eritrea.
Pubblicato il: 02.05.2002
" Fonte: » Irin news, Carta, Cnn Italia, Mani Tese;

Ultime notizie

Un blindato Made in Italy per il Brasile

03 Dicembre 2022
Un "Made in Italy" molto particolare. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Superati i 9 mesi dall’inizio dell’invasione russa. Il punto

02 Dicembre 2022
Di fatto, la guerra in Ucraina somiglia sempre più ad una “nota di fondo”, a cui il Mondo sembra abituarsi. (Raffaele Crocco)

Anche la Germania indaga sulle stazioni di polizia illegali di Pechino

01 Dicembre 2022
La ong Safeguard le ha individuate in 30 Paesi europei; quattro solo in Italia. Stabilite all’interno di ambasciate e consolati. Inchieste già avviate da Paesi Bassi, Spagna e Irlanda. (AsiaNews...

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)