Elezioni Colombia: più militari con Uribe

Stampa

Uribe

L'avvocato di Antioquia, Alvaro Uribe Vélez, 50 anni, è il 43esimo presidente della storia democratica colombiana. Uribe ha vinto in 20 dei 33 dipartimenti del Paese, stracciando letteralmente gli altri contendenti in quello di Antioquia e nelle principali città, tra le quali la capitale Bogotá, Medell㭀n e Cali. Il suo diretto rivale, il liberale Horacio Serpa, si è fermato a 3 milioni 400mila preferenze. A tre mesi dalla fine delle trattative di pace tra il governo e le Farc il paese è ricaduto in un escalation di violenza delle FARC (Fuerzas armadas revolucionarias de Colombia) che ha visto l'uccisione dell'arcivescovo di Calì, Monsignor Duarte; anche l'ELN ha interrotto la tregua unilaterale con la morte di 108 civili in una chiesa. Secondo Santiago Murray, capo della missione di osservatori dell'Organizzazione degli Stati americani (Osa), i paramilitari delle Auc (Autodifese unite della Colombia) hanno fatto pressione sulla popolazione affinché voti per il liberale dissidente Alvaro Uribe Vélez e viceversa le Farc minacciano i civili, ma per costringerli a non scegliere Uribe. Dal programma elettorale di Uribe è previsto un raddoppio delle forze armate militari che secondo i critici porterà più violenza in un paese che ogni anno registra 23.000 uccisioni ed è al primo posto per rapimenti di persona.
Pubblicato il: 27.05.2002
" Fonte: » Selvas, Ips, Indymedia Colombia, Narcomafie, Misna;
" Approfondimento: » Dossier Colombia, Dossier Colombia;

Ultime notizie

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

19 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti