Ecuador: spari sui lavoratori delle banane

Stampa

Campagna il bastone e la banana

In Ecuador 400 uomini mascherati hanno sparato sugli scioperanti di alcune piantagioni della Noboa, quarta multinazionale al mondo del settore bananiero. Lo sciopero era iniziato a febbraio, coinvolgendo 1.400 persone di sette aziende della zona di Los Alamos, per chiedere maggiori diritti e il riconoscimento del sindacato. A livello internazionale si sta organizzando una mobilitazione che vede impegnata anche Human Rights Watch che ha recentemente pubblicato un rapporto sulle precarie condizioni di vita e di lavoro dei braccianti delle bananeras ecuadoriane. "Come i nicaraguensi si difendono dalle Multinazionali" sarà l'incontro che lancerà a livello nazionale la campagna " cartoline bananeras" promossa dall'Ass. Italia Nicaragua che lancia un appello alle multinazionali delle banane e dei loro fornitori di pesticidi che hanno causato la morte di centinaia di lavoratori nelle piantagioni di banane; altri sono condannati a morte, alla sterilità o a sofferenze continue. Questi reati sono stati riconosciuti negli Stati Uniti, ma non ancora in Nicaragua. E' possibile mandare una e-mail di pressione affinchè vengano denunciate le violazioni dei diritti umani dei "lavoratori delle banane".
Pubblicato il: 31.05.2002
" Fonte: » Altreconomia, Ass. Italia Nicaragua, Human Rights Watch;
" Approfondimento: » Le prime banane eque dall'Ecuador, Campagna Bananeras, Campagna Il bastone e la banana;

Ultime notizie

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

19 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti