Donne in politica: qualcosa di più

Stampa

Nel mondo

Secondo gli ultimi dati (15 maggio 2002) dell'Ipo, l'organizzazione internazionale interparlamentare, è la Svezia il paese con la più alta percentuale di donne in parlamento (42,7%).
Ai primi posti della classifica seguono poi Danimarca (38%), Finlandia (36,5%), Norvegia (36,4%), Islanda (34,9%), Germania (31,7%), Costa Rica (31,6%). Le percentuali più basse si registrano in Marocco (0,6%), Yemen (0,7%), Niger (1,2%).
Tra i paesi senza presenze femminili al governo ci sono il Kuwait, la Micronesia, gli Emirati Arbai Uniti, le Bahamas.

In Italia

L'Italia occupa la settantaduesima posizione della classifica immediatamente preceduta da Panama (9,9%), Bukina Faso (9,9%), Zimbabwe (10%), Kyrgyzstan (10%).

Dei 630 parlamentari italiani, infatti, solo 62 sono donne, vale a dire il 9.84%. Di queste nell'attuale governo due sono state nominate ministro: si tratta di Letizia Moratti (ministero Pubblica istruzione), ex presidente della Rai e dell'imprenditrice Stefania Prestigiacomo (Pari opportunità).

"Una donna può rappresentare qualcosa di più"

La Commissione nazionale per la parità e le pari opportunità ha lanciato nel febbraio 2001 la campagna "Pari è di più": iniziative politiche, di comunicazione e sensibilizzazione per affermare una reale rappresentatività delle donne nei luoghi decisionali.

Tra le iniziative, il "kit della candidata", uno strumento di supporto con informazioni che vanno da come organizzare una campagna elettorale ai dati sull'inquinamento, il mondo del lavoro, gli anziani⅀

Quello che vorremmo dire è che essere candidata donna è altra cosa che essere candidato uomo - ha affermato Marina Piazza, presidente della Commissione nazionale per la parità e le pari opportunità tra uomo e donna - è necessario quindi sottolineare non solo e non tanto che una donna può fare politica, ma che proprio perché è donna può rappresentare qualcosa di più e/o di differente".

Ultime notizie

Agua limpia, por favor

23 Gennaio 2019
Le radici dell’acqua – o della sua mancanza. (Anna Molinari)

La primavera araba e l'inverno di Tunisi

22 Gennaio 2019
A scendere in piazza non sono stati i giovani ma i meno giovani, i tutelati, gli organizzati, coloro che “sanno stare assieme” sotto l'ombrello del potente sindacato UGTT. (Fabio Pipinato)

Disabili e mobilità europea: una storia in costruzione

21 Gennaio 2019
Dati e volti del progetto Erasmus con i disabili come partecipanti. (Miriam Rossi)

Processi sommari e pena di morte: così ci si sbarazza delle "donne dell'Isis"

21 Gennaio 2019
Medio Oriente. Il duro prezzo pagato dalle mogli dei miliziani islamisti nei tribunali di Iraq e Siria del nord. Almeno 4.500 le donne arrivate da tutto il mondo. Solo una minima parte di...

L'angelo Zeal gira negli ospedali per liberare pazienti «prigionieri»

20 Gennaio 2019
In 30 Paesi del mondo le strutture sanitarie si trasformano in centri di detenzione quando i malati non possono pagare. In Nigeria un cittadino li salva. (Michele Farina)