Dhaka, donne abusate in Arabia saudita denunciano le torture

Stampa

Foto: Asianews.it

Nazma Begum, 40 anni, era partita da Manikgonj, in Bangladesh, per cercare fortuna in Arabia saudita come domestica; invece nel Paese del golfo ha trovato la morte. Il suo datore di lavoro l’ha uccisa insieme al figlio perché aveva osato ribellarsi alle violenze sessuali e alle molestie cui veniva costretta ogni giorno. La donna aveva anche chiesto aiuto all’ambasciata bengalese a Riyadh, ma nessuno ha raccolto il suo appello. È una delle tante storie di molestie subite dalle donne che si recano in Arabia saudita per lavorare. La sua vicenda, insieme a quella di altre vittime, è stata raccontata qualche giorno fa durante una marcia di protesta a Dhaka, cui hanno partecipato centinaia di persone.

La manifestazione si è tenuta al club della stampa il primo novembre. Era organizzata da “Samajtantrik Mohila”, un forum che difende i diritti delle donne. Ad AsiaNews Rawsan Ara Rosho, presidente dell’associazione, denuncia: “Il governo del Bangladesh parla solo di rimesse dall’estero per sviluppare l’economia del Paese, ma non fa nulla per le lavoratrici che vengono abusate e perseguitate. Siamo qui a protestare per tutte loro”.

Il fenomeno delle violenze sessuali e delle torture subite dalle domestiche nel regno saudita è una piaga diffusa tra le donne che si recano all’estero per sostenere la famiglia e migliorare la propria vita. Secondo Rawan, tra gennaio e agosto 2019 circa 850 lavoratrici sono riuscite a scappare e sono tornate in Bangladesh. Di queste, 109 nel mese di agosto. “Sono tornate per scappare alle persecuzioni fisiche, sessuali e psicologiche”.

Accanto ai vivi, ci sono anche i morti. “Quest’anno abbiamo ricevuto i corpi di 119 donne, dall’Arabia saudita e altri dai vari Paesi del Medio oriente”. L’associazione chiede che venga fatta giustizia per le lavoratrici e che venga messa sotto accusa la negligenza dei funzionari dell’ambasciata.

Secondo Brac, una Ong che si occupa di recuperare e curare le migranti che riescono a scappare dai luoghi di tortura, la maggior parte delle lavoratrici che si recano nel regno subisce qualche forma di violenza. Tra il 2016 e giugno 2019, hanno fatto rientro in Bangladesh i cadaveri di 311 donne dai Paesi del golfo. Almeno 30 domestiche si sono suicidate perché non riuscivano più a sopportare le torture; di queste, 19 lavoravano nel regno di Riyadh.

Sumon Corraya da Asianews.it

Ultime notizie

I lébous di Dakar, guardiani dell’oceano

07 Dicembre 2019
In Senegal sopravvive ancora la pesca tradizionale. I mercati sono ancora affollati ma al supermercato il pesce è importato dall’estero. (Lucia Michelini

Black Friday: come il consumismo ha corrotto le nostre menti

06 Dicembre 2019
Dal Black Friday al Block Friday, un cammino di consumo cosciente esiste, ed è l’unica strada. (Marco Grisenti)

La “Visione Matauranga”

05 Dicembre 2019
L’Associazione per i Popoli Minacciati chiede che la ricerca scientifica sul clima tenga maggiormente conto delle popolazioni indigene. (Alessandro Graziadei)

Nigeria, paura nei campus

05 Dicembre 2019
Un numero imprecisato di confraternite affolla i campus di tutta la Nigeria e le rivalità tra questi gruppi causano la morte di decine di studenti ogni anno. Negli ultimi mesi ci sono stati omicidi...

È ufficiale, anche per l'Accademia le Ong non sono un “pull factor”

04 Dicembre 2019
Lo European University Institute pubblica uno studio scritto da due ricercatori italiani, Matteo Villa ed Eugenio Cusumano che mette definitivamente la parola fine alla leggenda metropolitana delle...