Dalla Giordania, si allarga il no alla guerra

Stampa

Oggi un convoglio di aiuti di Medici Senza Frontiere ha passato il confine: presto sapremo se la strada verso Baghdad è aperta e percorribile. Al proposito, stiamo verificando insieme agli amici di Un Ponte per. la possibilità di organizzare quanto prima un convoglio per Bassora, con medicinali per il dispensario e pezzi di ricambio per gli impianti di trattamento delle acque: domani incontreremo un trasportatore e prenderemo informazioni in dogana.

Abbiamo avuto una riunione con IOM (International Organization for Migration) per proporre un coinvolgimento delle organizzazioni del Tavolo di solidarietà con le popolazioni dell'Iraq nei programmi di assistenza agli IDP (sfollati interni) che sono attualmente in fase di preparazione.

Infine ancora burocrazia: oggi abbiamo ritirato le autorizzazioni per visitare venerdì i campi profughi allestiti alla frontiera con l'Iraq ed abbiamo presentato formale richiesta di riconoscimento di ICS in Giordania.

A presto Stefano e Marco

Fonte: Consorzio Italiano di Solidarietà

Ultime notizie

Fermata Kirghisistan

04 Dicembre 2022
Mi trovo a condividere 12 ore di viaggio con 3 ragazzi che non vogliono ritrovarsi all’interno di un carro armato. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Un blindato Made in Italy per il Brasile

03 Dicembre 2022
Un "Made in Italy" molto particolare. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Superati i 9 mesi dall’inizio dell’invasione russa. Il punto

02 Dicembre 2022
Di fatto, la guerra in Ucraina somiglia sempre più ad una “nota di fondo”, a cui il Mondo sembra abituarsi. (Raffaele Crocco)

Anche la Germania indaga sulle stazioni di polizia illegali di Pechino

01 Dicembre 2022
La ong Safeguard le ha individuate in 30 Paesi europei; quattro solo in Italia. Stabilite all’interno di ambasciate e consolati. Inchieste già avviate da Paesi Bassi, Spagna e Irlanda. (AsiaNews...

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)