Cruciale 2019: le Afriche all'esame della democrazia

Stampa

Foto:  Nigrizia.it

Buoni propositi. Promesse. Sempre più le Afriche sono ridotte a un pugno di slogan emotivi che eliminano ogni senso di complessità. Osserviamo, da nord, ciò che accade a sud con il binocolo miope che vede solo terrorismo, migrazioni e povertà. E ogni tentativo di approfondimento è sepolto da perentorie semplificazioni.

Invece, mai come ora, con questo 2019 agli esordi, serve pazienza e attenzione. Perché si apre un anno gonfio di stereotipi da sfatare. Ad esempio, vanno al voto 11 paesi (9 dell’area subsahariana e 2 del Nordafrica): il 28,7% della popolazione africana. Ma, soprattutto, saranno chiamate alle urne le prime due economie continentali: la Nigeria (oltre 376 miliardi di dollari di Pil, dati Banca mondiale) e il Sudafrica (349 miliardi di Pil). E, a nord, dovranno votare due democrazie dalle fondamenta ancora fragili: Algeria e Tunisia. Resta il dato di fondo: si mette in coda per i seggi metà del Prodotto interno lordo africano.

Ecco, quindi, che con il 2019 sarà messo alla prova uno dei luoghi comuni che perseguitano il continente: la politica africana come pratica allergica al dissenso e brutale contro l’opposizione. Dove l’alternanza, quella vera, è privilegio di poche nazioni. Un luogo comune che ha evidenti radici nella storia di molti paesi, che presentano un curriculum politico e civile non irreprensibile. Dove il voto si è travestito da libera espressione di consenso. Mentre, nella sostanza, era solo uno strumento per confermare il potere esistente. Il tempo ha così fatto emergere una contraddizione stridente: un continente con i presidenti più vecchi al mondo e con la popolazione più giovane in assoluto.

Il 2019 è, dunque, un anno di svolta: o gli equilibri democratici ne usciranno rafforzati, oppure la “democrazia” si confermerà una truffa semantica. Un semplice intercalare fisso che percorre il rude vangelo di molti potenti.

L’andamento economico aiuterà (o boicotterà) questo passaggio. Le Afriche escono da alcuni anni (specialmente dal 2014 al 2017) di crisi dovuta al crollo dei prezzi di alcune materie prime (metalli e beni agricoli) e al rafforzamento del dollaro. Secondo Bm il 2019 sarà un anno di assestamento. Ma ciò che temono le istituzioni finanziarie è che si possa nuovamente abbattere sulle Afriche una crisi del debito. A fine 2017, il rapporto debito/Pil in molti paesi ha raggiunto una media del 57%. Quasi il doppio rispetto ai livelli rilevati 5 anni prima. Il peso degli interessi, nello stesso periodo, è passato dal 4 all’11% del bilancio pubblico. Cifre che non si vedevano dagli anni ’90.

Economie strozzate rischiano di prosciugare le speranze di cambiamento.

Da Nigrizia.it

Ultime notizie

Cosa resta della cooperazione internazionale?

24 Agosto 2019
L’ex governo gialloverde lascia una pesante eredità in questo campo soprattutto dando spazio a una diffusa disinformazione. (Lia Curcio)

L'Italia migliore è l'Italia che include/ 2

23 Agosto 2019
Continua il nostro viaggio sull’evoluzione/involuzione della cultura e della politica italiana sul tema dell’inclusione e dell’apertura internazionale. (Fabio Pipinato)

L'Italia migliore è l'Italia che include / 1

22 Agosto 2019
Breve storia di un patrimonio culturale e politico sulla pace, nonviolenza e cooperazione internazionale, che rischia di disperdersi. (Fabio Pipinato)

Laghestel (Trentino), la fragilità dell’uomo e della natura in dialogo

21 Agosto 2019
Un cammino dei sensi per scoprire la natura e se stessi, attraverso l’incontro (Anna Molinari)

La simbiosi tra uomo e ape: perché è necessaria?

20 Agosto 2019
Api e miele, da sempre fedeli compagni della vita dell’uomo, sono già a rischio di estinzione, e con loro il nostro ecosistema. (Marco Grisenti)