Croazia: pericolo informazione e no OGM

Stampa

Il ministero dell'ambiente croato Bozo Kovacevic sta preparando una legge per vietare la produzione e limitare l'importazione di OGM. Ma gli Stati Uniti, a difesa degli interessi di Monsanto & Co., minacciano di ricorrere presso le sedi competenti del WTO. Il 14 gennaio, lo stesso ministero ha organizzato un'iniziativa non poco provocatoria, in collaborazione con Zelena Akcija (Green Action), l'associazione verde storica della Croazia che da tempo redige una lista delle aziende croate che danno informazioni sufficienti o insufficienti sull'uso di OGM nei loro prodotti. A questa buona notizia si contrappone l'allarme del Comitato Croato dei Diritti Umani che denuncia che la distribuzione dei quotidiani in Croazia è oramai quasi interamente sotto il controllo della società Europapress e dalla società austriaca Styria. L'organizzazione sta lavorando ad una proposta di legge sull'informazione che regoli sia i media tradizionali che quelli sulla rete.
Pubblicato il: 25.01.2002
" Fonte: » Informazione Senza Frontiere, Osservatorio sui Balcani;

Ultime notizie

Laghestel (Trentino), la fragilità dell’uomo e della natura in dialogo

21 Agosto 2019
Un cammino dei sensi per scoprire la natura e se stessi, attraverso l’incontro (Anna Molinari)

La simbiosi tra uomo e ape: perché è necessaria?

20 Agosto 2019
Api e miele, da sempre fedeli compagni della vita dell’uomo, sono già a rischio di estinzione, e con loro il nostro ecosistema. (Marco Grisenti)

“Non può essere”

19 Agosto 2019
La repressione religiosa non è una novità in Cina, ma sta costantemente crescendo. A fare scuola il Tibet. (Alessandro Graziadei)

A Roma il murale che purifica l’aria

18 Agosto 2019
Lo street artist Iena Cruz in via del Porto Fluviale ha realizzato un dipinto utilizzando una vernice speciale che assorbe lo smog.

Fare affari con i militari del Myanmar finanzia la guerra

17 Agosto 2019
Le speranze di democrazia e riconciliazione in Birmania/Myanmar che sembravano prossime a diventare reali con la liberazione e l’elezione in Parlamento della Premio Nobel per la Pace Aung San...