Corte Penale Internazionale senza USA

Stampa

Immagine

La Corte Penale Internazionale (CPI) "è in vigore" grazie alle ratifiche di oltre 60 paesi e "funzionerà anche senza gli Stati Uniti". Con 23 voti a favore, 21 contrari e nove astenuti l'assemblea per i Diritti Umani dell'Onu ha accettato la mozione presentata dall'Uruguay di condanna alla politica dell'Havana. "E' la goccia che fa traboccare il vaso" ha dichiarato il leader cubano nel corso di una conferenza stampa in cui ha chiamato il presidente uruguayano Battle "presidente genuflesso ai piedi degli Stati Uniti". La decisione di Beattle ha incontrato tuttavia critiche molto aspre anche in Uruguay. Ma qual è stato - si è domandata l'opposizione uruguayana - il costo del "tradimento"? Il governo avrebbe presentato la risoluzione contro Cuba allettato dalla prospettiva di un trattato di libero commercio con gli Stati Uniti per il quale sarebbe stato già firmato il protocollo di avvio dei negoziati e dalla promessa di Bush di comprare un quantitativo superiore di carne uruguayana. Nel frattempo, il Fondo Monetario Internazionale sta studiando la richiesta del governo uruguayano per accedere ad un ennesimo prestito. Il dissenso nei confronti del governo cubano riguarda comunque quasi tutti i paesi del centro-sudamerica dove il tasso di povertà cresce a dismisura e le richieste di garanzie anche. Il ministro cubano Felipe Perez Roque ha dichiarato che "la Commissione Diritti Umani è oggi più divisa che mai e minacciata di discredito, essendo strumento degli interessi di dominazione degli Stati Uniti e dei loro alleati".
Pubblicato il: 07.05.2002
" Fonte: » Selvas, Adista, Fondazione Pasti;

Ultime notizie

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

Sudafrica ed elezioni: vince (ma cala) l'Anc

17 Maggio 2019
Il partito di governo guidato da Ramaphosa conquista il 57,5% delle preferenze, ma frena di 4,5 voti percentuali rispetto al 2014. Bene la sinistra con l’Economic Freedom Fighters che arriva quasi...

In Messico è altolà ai narcos

17 Maggio 2019
Il neo presidente del Messico lavora per una riduzione della violenza dei narcotrafficanti. (Miriam Rossi)