Colombia: risveglio del Plan Colombia

Stampa

© UN News-Colombia

Dopo più di tre anni dall'apertura delle trattative tra governo colombiano e le FARC, il presidente Pastrana le dichiara chiuse denunciando l'aumento delle violenze da parte dei guerriglieri. E annuncia massicci bombardamenti nella zona di distensione affidata per tre anni alla guerriglia delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc). Parte un'operazione terrestre che coinvolgerà più di 10.000 uomini dell'esercito nazionale. La frontiera con l'Ecuador era già in stato di allerta da tre giorni con un accordo tra le due nazioni Andine. Il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ha ammonito entrambe le parti a rispettare i diritti umani internazionali e le vite dei civili ed ha invitato le Farc a liberare il senatore liberale Jorge Eduardo Gechem Turbay, in ostaggio dopo il dirottamento dell'aereo su cui viaggiava. Proprio in seguito al sequestro, il presidente Pastrana ha deciso di mettere fine al processo di pace con il gruppo armato. Dalle basi militari confinanti con la zona di distensione, che dal 1998 garantiva i dialoghi tra le parti, parte ora l'operazione che ha come obiettivo la "riconquista" immediata del territorio smilitarizzato. Intanto l'ambasciatore italiano a Bogotá, Felice Scauso, in merito alla recente azione delle Farc ha dichiarato: "Partendo dal presupposto che la zona di distensione sia sempre stata di vitale importanza per la guerriglia, il dirottamento dell'aereo della compagnia Aires non ha fatto altro che ridurre ulteriormente lo spazio di manovra del presidente Andres Pastrana e della corrente moderata del governo". I capi di Stato Maggiore degli eserciti di Colombia e Ecuador si sono incontrati giorni fa in un vertice militare dove, senza dare precisi dettagli, hanno messo a punto strategie congiunte in caso di una possibile massiccia fuga dei guerriglieri dovuta alla "eventuale rottura del negoziato".
Pubblicato il: 22.02.2002
" Fonte: » Misna, Selvas, UN News, Comunidad Web de Movimentos Sociales;
" Approfondimento: » Dossier America Latina, Osservatorio su America Latina;

Ultime notizie

Tessere il filo del mare

18 Settembre 2019
Difendere i fondali del Mediterraneo attraverso un’arte millenaria. (Anna Molinari)

Countdown to extincion

17 Settembre 2019
Dieci anni fa le multinazionali aderenti al “Consumer Goods Forum” (CGF) si erano impegnate a fermare la deforestazione. Secondo Greenpeace non lo hanno fatto! (Alessandro Graziadei)

I dilemmi della lotta per il clima e l’ambiente

16 Settembre 2019
La crisi climatica al centro degli allarmi lanciati da Greta Thunberg marcia parallelamente a una crisi ambientale, anch’essa planetaria, come ci ricordano sempre quelli di Extinction Rebellion, la...

Terra di confine

16 Settembre 2019
Prosegue il mio viaggio nel "cratere" del Centro Italia. (Matthias Canapini)

Leah, la Greta d’Africa che sciopera da otto mesi in Uganda

15 Settembre 2019
C’è una ragazzina combattiva e determinata come Greta anche in Africa. Si chiama Namugerwa Leah, ha 15 anni e vive in Uganda. (Jacopo Storni)