Ciad: si inaugura nel lutto il mega-oleodotto

Stampa

Oggi sarà ufficialmente inaugurato il mega-oleodotto Ciad-Camerun. Tre anni fa la Banca mondiale aveva approvato il finanziamento per questa opera poi portata a termine in poco più di un anno ed i cui costi si aggirano intorno ai 3,7 miliardi di dollari. Quasi pronto intanto il rapporto che la stessa Banca mondiale ha promosso sugli effetti su ambiente e popolazione locale dei progetti nell'industria estrattiva da essa finanziati.

Il primo petrolio verrà pompato dai pozzi del Ciad e fatto sgorgare nell'oleodotto che arriva fino alle coste camerunensi sull'Oceano Atlantico. E la Exxon, la principale multinazionale del petrolio coinvolta nel progetto, insieme a Chevron e Petronas, e la Banca mondiale, che ha fortemente voluto quest'opera, hanno fatto le cose in grande invitando numerosi giornalisti a N'Djamena, capitale del Ciad.

La Campagna per la riforma della Banca Mondiale denuncia come però agli esponenti della società civile ciadiana, da sempre contraria al progetto visti i suoi alti impatti socio-ambientali e gli scarsissimi benefici per la popolazione locale, verrà impedito di incontrare i giornalismi e manifestare il proprio dissenso. I gruppi della società civile del Ciad hanno comunque indetto una giornata di lutto, anche per ricordare le continue violazioni dei diritti umani che si ripetono senza soluzione di continuità nel loro paese.

Presto sarà reso pubblico il rapporto sul futuro del coinvolgimento della Banca Mondiale nell'industria estrattiva. Entro fine ottobre infatti la Extractive Industries Review, lanciata dalla Banca Mondiale due anni fa, produrrà la versione finale del suo rapporto sulla povertà e gli altri impatti ambientali e sociali associati ai progetti petroliferi, minerari e di estrazione di gas. La prima versione del documento finale scritta dalla Eminent Person Emil Salim, direttore della EIR, contiene alcune raccomandazioni molto importanti che riflettono le preoccupazioni espresse negli ultimi due anni dalla società civile e delle Ong. Le pressioni sui redattori della ricerca sono però enormi a la Campagna per la riforma della Banca mondiale invita a spedire una lettera di sostegno al responsabile dell'EIR Emil Salim. [DS]

Ultime notizie

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)

Pescara: dalla periferia nasce una nuova mappa del bene comune

13 Ottobre 2019
Al via cinque progetti realizzati da reti di associazioni con il supporto del Csv locale.

Saturday For Future

12 Ottobre 2019
Un giorno buono per fare qualcosa contro il cambiamento climatico? Tutti, ma soprattutto il sabato. (Lia Curcio)

Cosa c’è nella plastisfera del Santuario dei Cetacei?

11 Ottobre 2019
Secondo Expèdition Med e Legambiente, la plastisfera si può definire «un nuovo ecosistema marino sviluppatosi intorno ai rifiuti plastici, composto da microorganismi potenzialmente dannosi per pesc...

Rete Disarmo: stop ad armi italiane verso la Turchia dopo inizio bombardamenti in Siria

11 Ottobre 2019
Rete Disarmo esprime una "Forte preoccupazione per le notizie che giungono dalle aree controllate dalle forze curde. La Turchia è uno dei principali clienti dell’industria bellica italiana: ne...