Cambogia: elezioni senza violenze ma molte pressioni

Stampa

Si sono svolte domenica scorsa le elezioni per il nuovo parlamento cambogiano. Erano presenti sul territorio numerosi osservatori internazionali per verificare la regolarità delle votazioni. Dai primi risultati il partito al potere del primo ministro Hun Sen, il Partito Popolare Cambogiano (PPC), sembra aver ottenuto un'ampia vittoria che potrebbe portarlo alla maggioranza assoluta dei voti in parlamento.

Le elezioni, importante momento di verifica nel processo di democratizzazione cambogiano, si sono svolte, a detta degli osservatori, senza le violenze e soprusi che avevano caratterizzato la precedente tornata elettorale politica ed amministrativa. Nonostante questo è stato rilevato un clima di intimidazione e la paura ha comunque pervaso la tornata elettorale. Human Right Watch sostiene che non la violenza ma altri metodi meno appariscenti sono stati utilizzati per influenzare la campagna elettorale: acquisto dei voti, intimidazioni, espulsioni dai villaggi e confisca dei beni per i sostenitori dei partiti di opposizione.

Amnesty International nel suo rapporto sulla situazione cambogiana, reso pubblico nel 2003, ha sottolineato come siano numerosi i problemi legati al rispetto dei diritti umani. In particolare l'organizzazione che si batte per i diritti umani si riferisce a violenze ed intimidazioni politiche, mancato rispetto delle norme internazionali sui rifugiati, tortura nelle carceri e impunità generale dovuta ad un fragilissimo sistema giudiziario.

I risultati elettorali definitivi saranno resi pubblici solo l'8 agosto. Nel frattempo il PPC ha già annunciato la, a suo dire, schiacciante vittoria, forte dei risultati parziali derivanti dallo scrutino del 44% dei seggi. Secondo questi primi risultati il PPC avrebbe infatti ottenuto il 50% dei consensi mentre i due principali partiti di opposizione, il FUNCIPEC (Fronte Nazionale Unito per la Cambogia), guidato dal principe ereditario Norodom Ranariddh e il SRP (Sam Rainsy Party) avrebbero rispettivamente ottenuto il 20% e il 21% dei voti. Se il PCC non dovesse riuscire a raggiungere la maggioranza assoluta sarà probabile un'alleanza con il Funcipec, come già avvenuto nella scorsa legislatura.

Fonti: Equilibri , Amnesty International, Human Right Watch, Oneworld.

Ultime notizie

ll giorno di guerra è il 289. Il punto

09 Dicembre 2022
Sono passati quasi dieci mesi dall’invasione russa dell’Ucraina e la guerra continua ad uccidere. (Raffaele Crocco)

“Il Ruanda attacca la Rdc tramite il movimento M23”

08 Dicembre 2022
Accuse arrivano dal Governo di Kinshasa e dall'Europarlamento, mentre Kigali nega il suo coinvolgimento nella violenza del Nord Kivu. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

La guerra corre, il fatturato cresce

08 Dicembre 2022
A causa della pandemia e della crisi nella logistica rallenta la produzione ma il saldo del commercio mondiale delle armi continua ad aumentare. L’Italia conquista posizioni nel Top 100 dei produtt...

Casa dolce (ed energivora) casa… - #Diventaregreen

07 Dicembre 2022
Alimentare gli edifici è la prima voce per consumo energetico in Italia. (Alessandro Graziadei) 

L’eredità di Hebe e i fantasmi del passato argentino

07 Dicembre 2022
L'ultimo viaggio di De Bonafini figura emblematica e controversa.  La Guerra sporca e la sua scia di sangue. I processi e il difficile inizio del ritorno alla democrazia. (Atlante delle gue...