Bosnia Erzegovina: come andarsene?

Stampa

In Bosnia si è da poco creata un'associazione del tutto particolare. E' costituita da un gruppo di ricercatori e funzionari che hanno operato in Bosnia Erzegovina e che nel settembre scorso hanno deciso di riunirsi per "tentare di superare le contraddizioni e inadeguatezze che hanno caratterizzato la politica della comunità internazionale in Bosnia Erzegovina". Si sono dati due anni per elaborare i contenuti che poi dovrebbero portare ad una conferenza internazionale a Ginevra, titolata "Bosnia Erzegovina 1995-2005: 10 anni di Dayton e oltre".

E' importante avviare una riflessione su cosa abbia significato la presenza internazionale in Bosnia Erzegovina nell'ultimo decennio. E l'associazione "Bosnia Erzegovina 2005" sembra intenzionata a farlo. "Molti dei gravi problemi che la Bosnia Erzegovina affronta oggi derivano da un processo incompleto di costruzione di istituzioni che siano stabili, legittime, responsabili e efficaci. Di questo sono responsabili sia i politici locali che la comunità internazionale. Molte delle istituzioni internazionali stanno progressivamente riducendo il proprio intervento nel Paese non perché la loro sia una 'missione compiuta', ma semplicemente perché sono mutati gli imperativi e le priorità", hanno affermato i fondatori dell'associazione il cui comitato direttivo è composto da Christophe Solioz, Svebor Dizdarevic e Tobias K. Vogel.

"Nel tempo della guerra permanente, dal decennio di conflitti nei Balcani in poi, missioni internazionali di vario profilo si sono susseguite nel mondo a ritmo frenetico e senza soluzione di continuità" afferma Andrea Rossini dell'Osservatorio sui Balcani: "Il tentativo di fermarsi per cercare di riflettere sul livello di adeguatezza degli interventi e delle politiche messe in campo appare come uno sforzo salutare, potenzialmente fecondo di spunti non solo per facilitare il 'phasing out' della comunità internazionale in Bosnia, ma per fornire strumenti di valutazione utili anche per altri contesti".

In attesa del 2005, decimo anniversario della firma degli Accordi di Dayton, che posero fine al conflitto bosniaco, sono già trascorsi dieci anni dalla istituzione del Tribunale Penale Internazionale dell'Aja. Chris Stephen, corrispondente per IWPR dalla città olandese sottolinea come però è ancora presto per dare giudizi sul suo operato. "L'anniversario del TPI è arrivato quando ancora nessuno è sicuro se questo grande esperimento giuridico avrà o meno successo", ricorda in un suo articolo. [DS]

Ultime notizie

ll giorno di guerra è il 289. Il punto

09 Dicembre 2022
Sono passati quasi dieci mesi dall’invasione russa dell’Ucraina e la guerra continua ad uccidere. (Raffaele Crocco)

“Il Ruanda attacca la Rdc tramite il movimento M23”

08 Dicembre 2022
Accuse arrivano dal Governo di Kinshasa e dall'Europarlamento, mentre Kigali nega il suo coinvolgimento nella violenza del Nord Kivu. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

La guerra corre, il fatturato cresce

08 Dicembre 2022
A causa della pandemia e della crisi nella logistica rallenta la produzione ma il saldo del commercio mondiale delle armi continua ad aumentare. L’Italia conquista posizioni nel Top 100 dei produtt...

Casa dolce (ed energivora) casa… - #Diventaregreen

07 Dicembre 2022
Alimentare gli edifici è la prima voce per consumo energetico in Italia. (Alessandro Graziadei) 

L’eredità di Hebe e i fantasmi del passato argentino

07 Dicembre 2022
L'ultimo viaggio di De Bonafini figura emblematica e controversa.  La Guerra sporca e la sua scia di sangue. I processi e il difficile inizio del ritorno alla democrazia. (Atlante delle gue...