Bangladesh: profughi e minoranze

Stampa

© HRCBM

Sono pessime le condizioni di vita di circa 20mila birmani di religione musulmana ospiti di campi profughi nel Bangladesh sudorientale. A denunciarlo è Medici senza frontiere (Msf). I rappresentanti dell'organizzazione umanitaria internazionale hanno sottolineato che i campi, dove vivono gli appartenenti alla minoranza etnica birmana rohingya, sono sovraffollati e non dispongono di sufficienti riserve di cibo e acqua. I rohingya arrivarono in Bangladesh quando, tra il 1991 e il 1992, la giunta militare al potere in Myanmar (ex Birmania) attuò nei loro confronti una dura repressione, costringendone oltre 250mila a varcare il confine. I circa 21mila profughi ancora presenti in territorio bangladese dipendono completamente per la loro sopravvivenza dalle agenzie umanitarie. Intanto in Bangladesh avvengono episodi di intolleranza religiosa nei confronti di minoranze buddiste ed induiste ad opera di gruppi di militanti del partito di governo che, per confiscare i terreni occupati dai gruppi religiosi, hanno persino bruciato i luoghi di culto.
Pubblicato il: 03.04.2002
" Fonte: » Misna, Oneworld South Asia, Msf, HRCBM;

Ultime notizie

Laghestel (Trentino), la fragilità dell’uomo e della natura in dialogo

21 Agosto 2019
Un cammino dei sensi per scoprire la natura e se stessi, attraverso l’incontro (Anna Molinari)

La simbiosi tra uomo e ape: perché è necessaria?

20 Agosto 2019
Api e miele, da sempre fedeli compagni della vita dell’uomo, sono già a rischio di estinzione, e con loro il nostro ecosistema. (Marco Grisenti)

“Non può essere”

19 Agosto 2019
La repressione religiosa non è una novità in Cina, ma sta costantemente crescendo. A fare scuola il Tibet. (Alessandro Graziadei)

A Roma il murale che purifica l’aria

18 Agosto 2019
Lo street artist Iena Cruz in via del Porto Fluviale ha realizzato un dipinto utilizzando una vernice speciale che assorbe lo smog.

Fare affari con i militari del Myanmar finanzia la guerra

17 Agosto 2019
Le speranze di democrazia e riconciliazione in Birmania/Myanmar che sembravano prossime a diventare reali con la liberazione e l’elezione in Parlamento della Premio Nobel per la Pace Aung San...