Azioni urgenti: leggi ambiente e foreste

Stampa

© Greenpeace - Campagna Foreste

Greenpeace ha manifestato davanti alla sede dell'ATIBT (Organizzazione internazionale del legname tropicale), che riunisce le maggiori aziende che sfruttano le foreste nel mondo. Nel giorno del cinquantennale dell'organizzazione, una colossale motosega lunga circa 18 metri denunciava "il dimezzamento della superficie delle foreste negli ultimi 50 anni". Greenpeace chiede al governo di intervenire presso le aziende italiane coinvolte negli illeciti: anche la Fao ha ricordato come la corruzione e l'illegalità diffusa contribuiscano alla distruzione delle foreste. Al Presidente della Repubblica e al Parlamento sono invece indirizzate le richieste del WWF che sta cercando magistrati e giuristi per sottoscrivere l'appello contro i Disegni di Legge governativi, già approvati da un ramo del Parlamento, dove si propongono gravissime modifiche alle leggi sui rifiuti e si preparano amnistie e condoni per chi ha violato le leggi di tutela ambientale.
Pubblicato il: 09.10.2001
" Fonte: » Greenpeace, WWF;
" Approfondimento: » Indymedia, Emergency;

Ultime notizie

Plastica: siamo più consapevoli del problema, ma…

19 Luglio 2019
Siamo più consapevoli dei problemi legati all'inquinamento da plastica, ma solo ora iniziamo a prendere in considerazione le possibili soluzioni. (Alessandro Graziadei)

Aree protette, una ricchezza per l’Europa

18 Luglio 2019
Giovani, comunità e natura: è qui il futuro dell’Europa. (Anna Molinari)

Balcani occidentali, la libertà dei media continua a deteriorarsi

18 Luglio 2019
I giornalisti investigativi dei Balcani occidentali hanno espresso il proprio malcontento nei confronti del sistema giudiziario nei rispettivi paesi. Le loro esperienze con giudici e pubblici minis...

Guerra del Nilo: Egitto-Etiopia, l’acqua per vivere

17 Luglio 2019
Una gigantesca diga bloccherà gran parte delle acque del ramo “Azzurro” assetando il Paese dei faraoni. Tensione anche tra il Cairo e Gerusalemme: gli israeliani hanno venduto un sistema anti-...

Tunisia: un porto sicuro?

17 Luglio 2019
Il paese maghrebino presenta ancora numerose lacune giuridiche e organizzative per quanto riguarda i richiedenti asilo. (Ferruccio Bellicini)