Azione Aiuto lancia Mercato Scremato

Stampa

Azione Aiuto lancia Mercato Scremato, un rapporto che
analizza l'impatto delle attività delle multinazionali nel settore del latte in Brasile, con particolare riferimento a Parmalat. A pochi mesi dalla Conferenza Ministeriale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) di Cancùn, con questo rapporto Azione Aiuto si propone di contribuire al più ampio dibattito sui meriti e i demeriti degli investimenti esteri e sull'impatto che le attività delle multinazionali hanno nelle fragili economie dei paesi del sud del mondo.

Mercato Scremato dimostra come, in Brasile, gli standard qualitativi e produttivi imposti dalle multinazionali hanno escluso dal mercato i piccoli produttori di latte incapaci di fare fronte ai necessari investimenti per soddisfare tali standard. La ricerca esamina anche le iniziative politiche ed economiche del Governo brasiliano che hanno consentito alle multinazionali una così rapida conquista di un mercato vasto e appetibile ma anche vulnerabile e instabile come quello brasiliano, con particolare riferimento al settore del latte.

La liberalizzazione dell'economia brasiliana è uno dei fattori
principali che hanno permesso a Parmalat di acquisire, tra il 1989 e il 2001, 27 società locali, facendo di questo mercato il secondo in termini di fatturato per il gruppo, dopo quello italiano.

La conseguenza per gli operatori del settore è stata che, tra il 1996 e il 2002 la sola Parmalat ha escluso 23.200 piccoli produttori di latte, accentuando sperequazioni socio-economiche già esistenti, ad iniziare dalla questione dell'accesso alla terra.

"Questi cambiamenti nelle politiche economiche brasiliane sono stati fortemente influenzati dal processo di liberalizzazione imposto dall'OMC, sia rispetto al commercio di beni che di servizi. Questo processo potrebbe conoscere uno sviluppo ulteriore durante i negoziati della prossima assemblea dell'OMC, se la società civile non si opporrà con tutta la sua forza " dichiara Nicola Borello di Azione Aiuto.

Il rapporto si conclude con alcune raccomandazioni che Azione Aiuto rivolge a Parmalat e alle maggiori multinazionali del settore lattiero brasiliano, all'Associazione Bancaria Italiana, ai Governi dei paesi più industrializzati, al Governo brasiliano, al Governo italiano, all'Istituto Agronomico d'Oltremare del Ministero Affari Esteri e alla FAO. In particolare:

à Azione Aiuto chiede che le multinazionali come Parmalat, le cui politiche commerciali sono dettate dalla ricerca di sempre maggiori margini di profitto, tengano conto dell'impatto che tali politiche hanno nei settori più deboli della popolazione nei paesi in via di sviluppo.

à I governi dei paesi industrializzati, invece di spingere per un pericoloso accordo in seno all'OMC, devono creare un sistema internazionale di regole per disciplinare l'operato delle
multinazionali, soprattutto quando questo viola i diritti fondamentali delle comunità più vulnerabili.

Il testo integrale del rapporto Mercato Scremato è disponibile all'URL http://www.azioneaiuto.it/uff36.htm

Fonte: Azione Aiuto

Ultime notizie

Il Premio Goldman a un difensore mapuche del territorio

22 Maggio 2019
Il premio, ritenuto una sorta di “Nobel ambientale”, è il più importante riconoscimento per chi difende i diritti dell’ambiente. (Michela Giovannini)

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Lo schiaffo dell’Onu è a tutti noi

20 Maggio 2019
“Le leggi volute dal governo italiano sul tema migranti sono contrarie ai  diritti  umani”. Le Nazioni Unite strigliano l’Italia. Forse dovrebbero strigliare gli italiani. Solo...

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)