Azione Aiuto lancia Mercato Scremato

Stampa

Azione Aiuto lancia Mercato Scremato, un rapporto che
analizza l'impatto delle attività delle multinazionali nel settore del latte in Brasile, con particolare riferimento a Parmalat. A pochi mesi dalla Conferenza Ministeriale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) di Cancùn, con questo rapporto Azione Aiuto si propone di contribuire al più ampio dibattito sui meriti e i demeriti degli investimenti esteri e sull'impatto che le attività delle multinazionali hanno nelle fragili economie dei paesi del sud del mondo.

Mercato Scremato dimostra come, in Brasile, gli standard qualitativi e produttivi imposti dalle multinazionali hanno escluso dal mercato i piccoli produttori di latte incapaci di fare fronte ai necessari investimenti per soddisfare tali standard. La ricerca esamina anche le iniziative politiche ed economiche del Governo brasiliano che hanno consentito alle multinazionali una così rapida conquista di un mercato vasto e appetibile ma anche vulnerabile e instabile come quello brasiliano, con particolare riferimento al settore del latte.

La liberalizzazione dell'economia brasiliana è uno dei fattori
principali che hanno permesso a Parmalat di acquisire, tra il 1989 e il 2001, 27 società locali, facendo di questo mercato il secondo in termini di fatturato per il gruppo, dopo quello italiano.

La conseguenza per gli operatori del settore è stata che, tra il 1996 e il 2002 la sola Parmalat ha escluso 23.200 piccoli produttori di latte, accentuando sperequazioni socio-economiche già esistenti, ad iniziare dalla questione dell'accesso alla terra.

"Questi cambiamenti nelle politiche economiche brasiliane sono stati fortemente influenzati dal processo di liberalizzazione imposto dall'OMC, sia rispetto al commercio di beni che di servizi. Questo processo potrebbe conoscere uno sviluppo ulteriore durante i negoziati della prossima assemblea dell'OMC, se la società civile non si opporrà con tutta la sua forza " dichiara Nicola Borello di Azione Aiuto.

Il rapporto si conclude con alcune raccomandazioni che Azione Aiuto rivolge a Parmalat e alle maggiori multinazionali del settore lattiero brasiliano, all'Associazione Bancaria Italiana, ai Governi dei paesi più industrializzati, al Governo brasiliano, al Governo italiano, all'Istituto Agronomico d'Oltremare del Ministero Affari Esteri e alla FAO. In particolare:

à Azione Aiuto chiede che le multinazionali come Parmalat, le cui politiche commerciali sono dettate dalla ricerca di sempre maggiori margini di profitto, tengano conto dell'impatto che tali politiche hanno nei settori più deboli della popolazione nei paesi in via di sviluppo.

à I governi dei paesi industrializzati, invece di spingere per un pericoloso accordo in seno all'OMC, devono creare un sistema internazionale di regole per disciplinare l'operato delle
multinazionali, soprattutto quando questo viola i diritti fondamentali delle comunità più vulnerabili.

Il testo integrale del rapporto Mercato Scremato è disponibile all'URL http://www.azioneaiuto.it/uff36.htm

Fonte: Azione Aiuto

Ultime notizie

Cosa resta della cooperazione internazionale?

24 Agosto 2019
L’ex governo gialloverde lascia una pesante eredità in questo campo soprattutto dando spazio a una diffusa disinformazione. (Lia Curcio)

L'Italia migliore è l'Italia che include/ 2

23 Agosto 2019
Continua il nostro viaggio sull’evoluzione/involuzione della cultura e della politica italiana sul tema dell’inclusione e dell’apertura internazionale. (Fabio Pipinato)

L'Italia migliore è l'Italia che include / 1

22 Agosto 2019
Breve storia di un patrimonio culturale e politico sulla pace, nonviolenza e cooperazione internazionale, che rischia di disperdersi. (Fabio Pipinato)

Laghestel (Trentino), la fragilità dell’uomo e della natura in dialogo

21 Agosto 2019
Un cammino dei sensi per scoprire la natura e se stessi, attraverso l’incontro (Anna Molinari)

La simbiosi tra uomo e ape: perché è necessaria?

20 Agosto 2019
Api e miele, da sempre fedeli compagni della vita dell’uomo, sono già a rischio di estinzione, e con loro il nostro ecosistema. (Marco Grisenti)