Attivisti contro l'OCP arrestati in Ecuador

Stampa

Equador - Manifestazioni contro l'OCP

Durante la giornata del 25 marzo, sessanta poliziotti delle forze speciali del gruppo di intervento della polizia nazionale ecuadoriana hanno fatto irruzione nel Campamento Ecologista di Mindo, Amazzonia, ed hanno arrestato diciassette persone, quattordici stranieri e tre ecuadoriani, tra cui un minorenne. Tra loro, due gli italiani: Paola Colleoni e Matteo Giacometti, accusati di utilizzo improprio del visto turistico di soggiorno. Solo poche settimae fa sono stati inviati 10000 soldati nelle provincie di Orellana e Sucumbios, da dove partirà l'oleodotto che, oltre che dagli ecologisti, è stato criticato anche dalla Banca Mondiale, "preoccupata per l'impatto ambientale che l'opera comporta". Le organizzazioni coinvolte chiedono l'immediata scarcerazione per tutti i detenuti nel centro di detenzione temporanea a Quito e l'immediata presa di posizione su questo atto gravissimo da parte del Governo Ecuadoriano per le numerose violazioni compiute. Intanto in Italia viene lanciata per il prossimo 20 aprile la Giornata della Terra che nel 2000 ha visto la partecipazione di 3.200 gruppi in 167 Paesi.
Pubblicato il: 27.03.2002
" Fonte: » Campagna per la riforma della Banca Mondiale, Ya Basta, Osservatorio Latinoamericano, Selvas, Clorofilla;
" Approfondimento: » Dossier Energia, Gli ecologisti fanno tremare l'OCP, Action Ecologica, Campagna UWA;
" Azione: » Per fare pressione presso l'ambasciata italiana di Quito: Tel. 0059 3 22561077 oppure 0059 3 22561074. L'ambasciatore italiano è il Dottor Legnaioli.;

Ultime notizie

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

19 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti