Argentina: repressione violenta

Stampa

Indymedia - polizia argentina

In Argentina le richieste dei movimenti sociali vengono spente con la violenza. La tensione all'interno del Paese si va riacutizzando e le due ultime vittime di quella che viene definita "la nuova ondata repressiva" si vanno ad aggiungere ai 33 argentini assassinati dal dicembre scorso, durante le proteste sociali. I due, uccisi dalla polizia, appartenevano al movimento piquetero (dei lavoratori disoccupati) che stava bloccando le strade come forma di protesta per ottenere dignità, lavoro e cambio sociale, in opposizione alle politiche neoliberiste selvagge che hanno portato il sistema economico del paese al collasso lo scorso dicembre. Per reclamare un freno alla repressione una delle principali organizzazioni sindacali, la Centrale dei lavoratori argentini (Cta), insieme alla Corrente classista e combattiva (Ccc), ha annunciato per mercoledì 3 luglio una nuova marcia di protesta, che si concluderà in Plaza de Mayo, davanti ai palazzi del potere della capitale argentina. In una lettera indirizzata al presidente Duhalde, l'ex deputato argentino Juan Gabriel Labaké ha esposto le sue preoccupazioni per le ipotesi di sanare "civilmente e decorosamente" il debito attraverso la concessione di territori. Intanto Eduardo Duhalde ha accusato il governo di Washington di discriminare gravemente il suo Paese e più in generale l'America Latina, attraverso una politica commerciale protezionista che penalizza le realtà più deboli. Il Paese delle Donne presenta una analisi che la psicoanalista argentina, Eva Giberti fa sul futuro dell'Argentina: una "mostra del dolore che patiamo, argentine e argentini, perché ignoriamo come e quando migliorerà la nostra situazione. O come e quando si aggraveranno le nostre disgrazie". Intanto in Trentino è stato sgomberato un centro sociale occupato a metà giugno da una cinquantina di giovani che si propongono cultura sociale e già iniziano le manifestazioni di protesta.
Pubblicato il: 01.07.2002 " Fonte: » Misna, Il Paese delle Donne , ALAI, Indymedia Italy, Clorofilla, Altroadige;
" Campagne: » Dossier America Latina , Indymedia Argentina ;

Ultime notizie

Bambini: “chi non produce è inutile”

25 Giugno 2019
È necessario contrastare l’idea che chi non produce è inutile per la società. A cominciare dai bambini costretti ad essere “economicamente attivi”. (Alessandro Graziadei)

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

La donna che combatte i matrimoni precoci

21 Giugno 2019
Povertà, matrimoni precoci e abbandono scolastico sono tre componenti dello stesso circolo vizioso. È contro un tale flagello che si batte da oltre 15 anni Theresa Kachindamoto, una donna...