Argentina: è vera ripresa?

Stampa

In Argentina la situazione macroeconomica sembra in leggera ripresa anche se permane un quadro sociale drammatico. Intanto arriva il primo investimento di capitale dall'estero nel dopocrisi: si tratta di microcrediti messi a disposizione dal Fondo lussemburghese Luxmit-Ada.

L'economia argentina è forse in ripresa: per la fine dell'anno è infatti prevista una crescita del 5% del prodotto interno lordo e l'occupazione, dal giugno 2002, è gia incrementata del 121,7 %. Il clima di crescente fiducia e ottimismo può essere compreso anche dal leggero incremento dei consumi delle classi medie: si sono ricominciati a vendere beni come CD, libri, vestiti e apparecchi elettrodomestici che avevano subito un collasso durante il periodo di crisi. Questo leggero recupero non è comunque esteso all'intera popolazione: il tasso di disoccupazione continua ad essere alto e i sussidi distribuiti ai disoccupati non riescono a soddisfare le necessità principali di molte famiglie argentine. 2 milioni di persone sono costrette a sopravvivere con 60 dollari al mese.

Intanto arriva il primo investimento finanziario in Argentina dopo il collasso dell'economia del paese. E' dedicato alla microfinanza. Il fondo lussemburghese Luxmint-Ada, promosso dall'organizzazione non-profit Appui au Developpement che ha l'obiettivo di facilitare l'accesso al mercato dei capitali per le istituzioni di microcredito, ha deciso di investire 100 mila dollari presso il Fie-Gran Poder, branca argentina del boliviano Fondo Financeiro Privado para el Fomento.

Il Fie opera come organizzazione di microfinanza dal 1985 ed in Bolivia ha coinvolto oltre 23 mila destinatari di prestiti, recentemente ha creato grazie anche all'appoggio del fondo Luxmint-Ada una branca in Argentina. Microfinanza comunque sottolinea che per un sostegno al microcredito nel paese "quello che serve sembra essere, più che soldi a prestito, assistenza tecnica e formazione e magari un capitale iniziale a fondo perduto".

Fonti: Microfinanza, Alai;

Ultime notizie

Superati i 9 mesi dall’inizio dell’invasione russa. Il punto

02 Dicembre 2022
Di fatto, la guerra in Ucraina somiglia sempre più ad una “nota di fondo”, a cui il Mondo sembra abituarsi. (Raffaele Crocco)

Anche la Germania indaga sulle stazioni di polizia illegali di Pechino

01 Dicembre 2022
La ong Safeguard le ha individuate in 30 Paesi europei; quattro solo in Italia. Stabilite all’interno di ambasciate e consolati. Inchieste già avviate da Paesi Bassi, Spagna e Irlanda. (AsiaNews...

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)