Algeria: difficile via per diritti umani

Stampa

© Asaka - Sahara

Il prossimo 30 maggio si svolgeranno in Algeria le elezioni parlamentari. Nell'ambito delle importanti decisioni dei programmi elettorali c'è anche il problema del Sahara-Occidentale che vede l'Algeria coinvolta in prima persona per l'appoggio dato all'autodeterminazione e all'indipendenza del Popolo Sahrawi che ha provocato un reciproco duro scambio di accuse con il Marocco. Il processo di pace nel Sahara occidentale è infatti ancora bloccato ed ha portato il Segretario delle Nazioni Unite Kofi Annan a estendere fino al 30 aprile prossimo il mandato di MINURSO. Se però vengono salvaguardati i diritti di un popolo, molto ancora c'è da fare in Algeria per la difesa dei diritti umani: Amnesty International ha criticato con forza la condanna inflitta domenica in appello all'attivista algerino per i diritti umani Mohamed Smain. La sentenza, emessa dal tribunale di Relizane, nell'Algeria occidentale, obbliga l'uomo a scontare un anno di carcere e pagare un'ammenda pari a 523 euro per avere diffamato Mohamed "El Hadj" Fergane, ex governatore della provincia di Relizane e capo di una milizia filogovernativa. Smain, che è a capo della Lega algerina per la difesa dei diritti umani, lo aveva accusato di avere rapito, torturato e ucciso almeno una dozzina di persone.
Pubblicato il: 26.02.2002
" Fonte: » Misna, Amnesty International, Onu, El Watan;
" Approfondimento: » ARSO, Fronte Poisario, Asaka Italia;

Ultime notizie

Spazio al bosco, e le specie spariscono

23 Settembre 2019
Che l’uomo intervenga o si assenti, per la sopravvivenza dell’ecosistema avrà sempre una responsabilità. (Anna Molinari)

Giornata del dono, coinvolti centinaia di studenti

22 Settembre 2019
Sono 80 gli istituti scolastici che hanno aderito al progetto #DonoDay2019, realizzato in collaborazione con il Miur. 

Abbiamo solo 11 anni per salvare la nostra specie

21 Settembre 2019
Ci avviciniamo al prossimo evento, venerdì 27 settembre, organizzato dai giovani dei "Fridays for Future”. (Lia Curcio)

La guerra nel nome della pace

20 Settembre 2019
Attorno ad Idlib continuano i combattimenti, la fuga dei cittadini, le morti, le distruzioni. Il ruolo della Turchia è sempre più ambiguo, nei suoi giochi anti-curdi tra Mosca, Washington e Damasco...

Presidenziali in Tunisia: vincono astensione e populismo anti-casta

20 Settembre 2019
Al ballottaggio per eleggere il nuovo presidente tunisino si affronteranno due candidati controversi e fuori dagli schemi tradizionali. (Ferruccio Bellicini