Albania: detenuti maltrattati e torturati

Stampa

In carcere

Le condizioni dei detenuti nei commissariati di polizia in Albania sono "disumane e degradanti" e spesso sono costretti a dormire "come sardine in scatola". Le pesanti affermazioni vengono da Amnesty International, l'organizzazione internazionale per la salvaguardia dei diritti umani nel mondo, e dalla missione dell'Osce (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) a Tirana, in due recenti rapporti che fanno luce sulle precarie condizioni nelle quali sono costretti a vivere centinaia di detenuti, anche minorenni, in attesa di giudizio.

In mancanza delle carceri giudiziarie, i detenuti in Albania vengono trattenuti presso i commissariati di polizia in celle spesso sovraffollate e in pessime condizioni e a volte anche per diversi anni, denunciano le due organizzazioni. La capienza di queste celle di sicurezza è di 825 persone, ma, secondo i dati del Ministero degli Interni, nel 2003 il numero dei rinchiusi era di oltre 1400 persone.

Ad affiancare quello degli spazi, c'è anche il problema delle pessime condizioni igieniche. Secondo l'Osce, "i detenuti sono costretti a dormire su materassi e coperte messi direttamente sui pavimenti. L'aerazione manca e l'aria è irrespirabile". Gli osservatori dell'organizzazione, sparsi per tutto il Paese, hanno notato che "a volte la doccia è rappresentata soltanto da un tubo nel muro dal quale cola un filo d'acqua".

Le autorità albanesi però tacciono. Alcuni mesi fa, il Ministero degli Interni annunciò che un gruppo speciale sarebbe stato creato per investigare sul problema della violenza poliziesca, ma da allora non si è saputo più niente. Lo stesso dicastero ha messo a disposizione della popolazione un numero telefonico gratuito per coloro i quali volessero denunciare la violenza subita da funzionari della polizia. Nonostante ciò, la gente ha paura ed è scettica nei confronti delle autorità. Infatti, anche in quei pochi casi in cui qualcuno ha osato denunciare pubblicamente qualche ufficiale, "i procedimenti penali contro di loro sono stati rari" ricorda Amnesty. [DS]

Altre fonti: OSCE.

Ultime notizie

A Roma la cucina va Oltre

20 Aprile 2019
Di papaline, cicorie e caciaroni: una cooperativa sociale romana ci racconta un modello originale di relazione con la disabilità. (Michele Focaroli

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)