Albania: detenuti maltrattati e torturati

Stampa

In carcere

Le condizioni dei detenuti nei commissariati di polizia in Albania sono "disumane e degradanti" e spesso sono costretti a dormire "come sardine in scatola". Le pesanti affermazioni vengono da Amnesty International, l'organizzazione internazionale per la salvaguardia dei diritti umani nel mondo, e dalla missione dell'Osce (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa) a Tirana, in due recenti rapporti che fanno luce sulle precarie condizioni nelle quali sono costretti a vivere centinaia di detenuti, anche minorenni, in attesa di giudizio.

In mancanza delle carceri giudiziarie, i detenuti in Albania vengono trattenuti presso i commissariati di polizia in celle spesso sovraffollate e in pessime condizioni e a volte anche per diversi anni, denunciano le due organizzazioni. La capienza di queste celle di sicurezza è di 825 persone, ma, secondo i dati del Ministero degli Interni, nel 2003 il numero dei rinchiusi era di oltre 1400 persone.

Ad affiancare quello degli spazi, c'è anche il problema delle pessime condizioni igieniche. Secondo l'Osce, "i detenuti sono costretti a dormire su materassi e coperte messi direttamente sui pavimenti. L'aerazione manca e l'aria è irrespirabile". Gli osservatori dell'organizzazione, sparsi per tutto il Paese, hanno notato che "a volte la doccia è rappresentata soltanto da un tubo nel muro dal quale cola un filo d'acqua".

Le autorità albanesi però tacciono. Alcuni mesi fa, il Ministero degli Interni annunciò che un gruppo speciale sarebbe stato creato per investigare sul problema della violenza poliziesca, ma da allora non si è saputo più niente. Lo stesso dicastero ha messo a disposizione della popolazione un numero telefonico gratuito per coloro i quali volessero denunciare la violenza subita da funzionari della polizia. Nonostante ciò, la gente ha paura ed è scettica nei confronti delle autorità. Infatti, anche in quei pochi casi in cui qualcuno ha osato denunciare pubblicamente qualche ufficiale, "i procedimenti penali contro di loro sono stati rari" ricorda Amnesty. [DS]

Altre fonti: OSCE.

Ultime notizie

Dalla community alla comunità #1

17 Giugno 2019
Nuove tecnologie, nuove relazioni, nuove solitudini. (Anna Molinari)

Francesca, la sua laurea fa notizia

16 Giugno 2019
Francesca ha la sindrome di Usher e in Italia è fra le prime persone con sordocecità ad aver raggiunto il traguardo della laurea. (Sara De Carli)

Danzare – e vivere – in 3D

15 Giugno 2019
Sindri Runudde, ballerino e artista, ci parla della sua arte e del suo modo di interpretare la vita – da una prospettiva queer e legata alla disabilità.  (Novella Benedetti)

Cooperanti, bella gente

14 Giugno 2019
Chi sono, cosa fanno, cosa pensano. Nonostante l’incessante campagna denigratoria, sono tantissimi i giovani (e non solo loro) che lavorano o sognano di lavorare nel mondo della cooperazione intern...

Quando la solidarietà viene premiata…

14 Giugno 2019
La storia di un progetto di accoglienza che dalla Siria ha portato una famiglia in Trentino nel paese di Caderzone Terme. Con riconoscimento finale. (Piergiorgio Cattani)