850mila stranieri popolano e si prendono cura delle nostre montagne

Stampa

Gli stranieri che vivono sulle Alpi e sugli Appennini sono oltre 850 mila. E quasi sempre è grazie a loro se intere valli non si sono spopolate. Dalla gestione degli allevamenti alla cura dei boschi, sono spesso loro a tenere in vita attività tipiche di quelle zone montane. Resta però da chiedersi, che cosa le istituzioni stiano facendo perché queste persone possano effettivamente integrarsi. Certo è che per ora si tratta di "Montanari per forza", come titola il numero speciale della rivista di Dislivelli, associazione nata nel 2009 a Torino dall’incontro di ricercatori universitari e giornalisti specializzati nel campo delle Alpi e della montagna.

"Sono migranti che devono diventare montanari per forza di cose, per necessità d'adattamento e di sopravvivenza, temporanea o permanente che sia", scrivono nell'editoriale Maurizio De Matteis e Andrea Membretti. "Sicuramente si tratta di persone portatrici di culture, progetti di vita, valori e pratiche frequentemente lontani dallo stereotipo di staticità residuale di cui la montagna è vittima ancora oggi". E possono rappresentare "un fattore di innovazione per le terre alte italiane".

I numeri già parlano da soli. In Italia le aree interne, quelle più lontane dai grandi centri urbani e spesso in montagna, rappresentano il 52% circa dei comuni italiani (4.261) cui fa capo il 23% della popolazione (13,3 milioni) residenti in una porzione del territorio che supera il 60% della superficie nazionale. In questi comuni la presenza degli stranieri supera il 10% in regioni come Umbria, Veneto ed Emilia Romagna. Nei piccoli comuni della Toscana si arriva al 9,86%, nelle Marche al 9,57%. "Si può dire che la tenuta complessiva della popolazione nei comuni aree interne è dovuta alla crescita della popolazione straniera", conclude la rivista. 

Dislivelli racconta poi diversi casi di presenze significative di stranieri in montagna. Come i cinesi della Val Pellice o i romeni nel Casentino. Nelle foreste casentinesi in particolare c'è una forte concentrazione di romeni della regione di Bacau, zona molto simile dal punto di vista naturalistico al Casentino: "ragion per cui le capacità tecniche di questi lavoratori sono riconosciute e apprezzate e rappresentano una risorsa per il settore forestale locale". La loro presenza e delle loro famiglie ha ripopolato anche le scuole materne e elementari, salvandole dalla chiusura.

Da Redattoresociale.it

Ultime notizie

Rifugiati, quando l’umanità si muove

20 Giugno 2018
Oppure va alla deriva insieme ad ogni sentimento di umanità e solidarietà. (Lia Curcio)

Drogati per lavoro

19 Giugno 2018
Come sopravvive ai ritmi di lavoro la comunità Sikh dell’Agro Pontino? (Alessandro Graziadei)

Cambiamenti climatici e sicurezza alimentare

18 Giugno 2018
Contesti, scenari ed esperienze di un progetto pilota in Tibet. (Anna Molinari)

Gli sponsor della generazione antimigranti

18 Giugno 2018
Lo scorso aprile sul valico del Monginevro, comune francese dove passa la linea di confine tra Italia e Francia, si è assistito a un evento assurdo quanto foriero di tristi presagi. Il colle è dall...

Noi, i ribelli dell’Oro rosso. Da noi la passata di pomodoro è etica

17 Giugno 2018
Contratti regolari e produzione bio: in Puglia c’è chi coltiva i pomodori senza gli schiavi da due euro l’ora. (Elena Comelli)