8 scelte di coerenza per l'Europa

Stampa

da campagnawto.org

Responsabilità d'impresa, dumping, svendita dei beni comuni, trasparenza e ruolo dell'Europa nella nuova economia globalizzata: sempre più spesso le disuguaglianze economiche sono causa di conflitti nel mondo. Guerre per il controllo delle risorse, conflitti che nascono dall'esasperazione, dalla miseria, e un'Europa che, come nel caso di alcuni servizi essenziali come l'acqua, sembra più interessata a difendere gli interessi delle proprie imprese che i diritti umani, in particolare nei Paesi del Sud del mondo.

A Cancun la Campagna internazionale Questo Mondo Non E' In Vendita ha contribuito a fermare l'Organizzazione Mondiale del Commercio proprio per impedire gli interessi di pochi condizionassero la politica economica mondiale. E oggi, alla vigilia delle elezioni europee, il Network Seattle to Brussels (S2B), articolazione europea della campagna, chiede a tutti i cittadini dell'Unione di mettere alla prova i propri candidati alle Elezioni Europee. I candidati al Parlamento Europeo dei diversi paesi sono chiamati a rispondere a 8 quesiti prendendo precisi impegni sulle future politiche commerciali dell'UE, per renderle sostenibili e socialmente e democraticamente responsabili.

Viene loro chiesto di

- Promuovere un maggiore impegno per la trasparenza e la democrazia e limiti per i gruppi lobbisti delle multinazionali.
- Rinunciare all'attuale spinta da parte dell'Unione europea a favore di accordi per la protezione degli investimenti.
- Impegnarsi invece per la corporate accountability.
- Assicurarsi che l'UE tolga la fornitura d'acqua dai negoziati per i servizi.
- Finirla con il dumping sussidiato che distrugge i mezzi di sostentamento dei contadini dei paesi in via di sviluppo.
- Resistere alla pressione degli Stati Uniti nel WTO contro l'approccio precauzionale dell'Europa in merito agli Ogm.
- Cambiare, in rispondenza con le succitate richieste, il mandato del Commissario europeo al Commercio.

Il questionario, promosso in Italia da Campagna per la Riforma della Banca Mondiale e ROBA dell'Altro Mondo, del Tavolo Intercampagne della Rete Lilliput, viene lanciato in occasione della Fiera nazionale del Commercio Equo Tuttaunaltracosa.

I risultati verranno presentati al pubblico ed ai media nazionali a giugno, e pubblicati sul sito http://www.s2bnetwork.org, e sui diversi siti delle organizzazioni nazionali.

La campagna è sostenuta da Attac Austria, Attac Germania, Attac Ungheria, Campagna per la Riforma della Banca Mondiale (CBRM) - Italia, Center for Environmental Public Advocacy (CEPA) - Slovakia, Friends of the Earth Europe (FoEE), Milieudefensie - Netherlands, Friends of the Earth England, Wales and Northern Ireland, ROBA dell'Altro Mondo - Italia, Women in Development Europe (WIDE), e World Development Movement (WDM) - UK, all'interno del Network Seattle to Brussels.

Ultime notizie

Locanda Dal Barba, dove l’accoglienza si fa in tavola

24 Febbraio 2020
Inclusione sociale per persone con disturbi del neurosviluppo, un’esperienza da conoscere. (Anna Molinari)

Bari il cibo torna in circolo (per i poveri)

23 Febbraio 2020
Sette frigo solidali ospitano il cibo donato. I volontari si spostano anche con pattini e biciclette. L’idea di Kenda onlus. (Bepi Castellaneta)

Disabilità in Ecuador: un cammino disseminato di ostacoli

22 Febbraio 2020
Nonostante le iniziative realizzate, la situazione dei disabili, soprattutto intellettivi, rimane profondamente disagiata e vittima di una politica viziosa. (Marco Grisenti)

Un clima impazzito

21 Febbraio 2020
Un clima impazzito che non conosce una via di mezzo e le cui conseguenze sono pagate soprattutto dai più deboli. (Lia Curcio)

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)