1/06: la Giornata della bandiera della pace

Stampa

Da tutta Italia in 15mila a Verona a colorare d'arcobaleno l'Arena. All'Arena le testimonianze della gente che ha esposto il vessillo arcobaleno e i percorsi di impegno futuro. Saranno presenti Ciotti, Zanotelli, Morgantini, e Bizzotto. Sarà un altro modo per celebrare la Festa della Repubblica. E intanto le bandiere ostinatamente rimangono appese ai balconi.

Sarà un'Arena gremita di bandiere arcobaleno quella che Verona vedrà il 1° giugno. Sono infatti attese almeno 15 mila persone all'Arena di Pace - Gornata della bandiera arcobaleno, il raduno di chi in Italia ha gridato il suo no alla guerra in Iraq esponendo al balcone la bandiera della pace. La macchina organizzativa gira a pieno regime e sono ormai delineati i contenuti della manifestazione, voluta dal coordinamento della campagna "Pace da tutti i balconi!" - promosso da sessanta associazioni e realtà nazionali e da centinaia di gruppi locali - e patrocinata dal Comune di Verona.

Da mezzogiorno alle 17 nel famoso anfiteatro si alterneranno le testimonianze di famiglie, studenti, insegnanti, sindaci e semplici cittadini che a vario titolo hanno esposto la bandiera. E' prevista la partecipazione di don Luigi Ciotti, di padre Alex Zanotelli, dell'europarlamentare Luisa Morgantini, di don Albino Bizzotto, dell'inviato Rai Ferdinando Pellegrini e di numerosi rappresentanti della società civile italiana. Saranno sette i temi trainanti dell'incontro, sui quali i partecipanti saranno invitati concretamente a impegnarsi una volta tornati alle proprie case: diritti per tutti, ambiente, educazione alla pace, nonviolenza e disarmo, stili di vita sobri, informazione e azione politica.

La data del 1° giugno è stata scelta per la sua concomitanza con la Festa della Repubblica, per ribadire che onorare l'Italia significa condividerne e impegnarsi ad attuarne i principi costituzionali.

Il fenomeno dell'esposizione della bandiera della pace ai balconi è stato il segno più significativo del "no" all'intervento armato in Iraq da parte della maggioranza del popolo italiano. Un no gridato da almeno 3 milioni di balconi italiani: di case, uffici, fabbriche, comuni, istituzioni pubbliche e private, enti religiosi, scuole. Una consapevolezza del bisogno di pace che non si è fermata, come testimoniano le moltissime bandiere - la maggioranza - che continuano ostinatamente a rimanere esposte.

Per tutti l'invito è a partecipare all'Arena di Pace semplicemente in qualità di cittadini, portando con sé la propria bandiera arcobaleno e rinunciando a vessilli, insegne o striscioni che indichino altre appartenenze. Il programma, gli aggiornamenti sulla giornata, le indicazioni tecniche e logistiche saranno via via pubblicate sul sito www.bandieredipace.org.

L'iniziativa verrà presentata in una conferenza stampa martedì 27 maggio

alle ore 12,00 presso la Sala degli Arazzi del Comune di Verona

(Palazzo Barbieri, Piazza Brà 1). Sarà presente il sindaco di Verona Paolo Zanotto.

22 maggio 2003

Ufficio stampa: Mariagrazia Bonollo 348/2202662 - Giorgio Bugliesi 348/2460295

Ultime notizie

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

19 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti