Wto: gli Usa vincono la causa contro Ue sugli ogm

Stampa

Grano Ogm

La moratoria applicata dall'Unione Europea dal 1998 al 2003, viola le norme dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (Wto): così sta scritto nell'interim Report, la bozza di sentenza consegnata due giorni fa ai paesi interessati dalla disputa. Greenpeace critica la decisione del Wto che vuole facilitare i tentativi di Stati Uniti, Canada e Argentina di forzare l'Europa ad accettare gli Ogm. "Questa decisione prova nuovamente che il Wto pone l'interesse di mercato al di sopra di ogni altro, a cominciare dalla sicurezza dei consumatori, oltre a non essere assolutamente competente in campo scientifico e ambientale. Questo caso dimostra che sia l'amministrazione Usa, che le aziende biotech stanno cercando disperatamente di immettere nel mercato gli Ogm che sono inutili, rischiosi e incontrollabili" - ha dichiarato Federica Ferrario, responsabile della campagna Ogm di Greenpeace.

"Il Wto non può essere usato per indebolire il Protocollo di Cartagena sulla Biosicurezza, in base al quale gli stati possono opporsi agli Ogm. I giganti del biotech statunitensi non venderanno neppure un chicco di grano Ogm in più. La maggior parte dei consumatori, degli agricoltori e un numero sempre crescente di governi si oppongono agli Ogm" - continua la responsabile di Greenpeace. "Le esportazioni di mais Ogm dagli Stati Uniti continueranno a subire perdite di 300 milioni di dollari all'anno, e ciò sarà di monito agli altri stati esportatori: l'Europa non vuole Ogm."

Nell'agosto 2003, Stati Uniti, Canada e Argentina si sono appellati al Wto contro l'Unione europea (che aveva sospeso l'approvazione dei prodotti biotech ) e per i bandi specifici ad alcuni Ogm da parte di sei stati membri. I Paesi membri dell'Unione europea hanno votato con una chiarissima maggioranza nel 2005 (22 Paesi su 25), per il mantenimento dei bandi nazionali agli Ogm. La scorsa settimana, la Grecia ha annunciato un'estensione del bando ad un mais Ogm prodotto dalla Monsanto. Anche l'Austria ha recentemente annunciato l'intenzione di mettere al bando l'importazione di colza transgenica. Questi bandi si aggiungono a quelli imposti l'anno scorso da Ungheria e Polonia, all'impegno di 172 regioni europee che si sono dichiarate libere da Ogm, e alla moratoria della Svizzera decisa da un referendum popolare. L'Europa tutta è fermamente risoluta nella messa al bando degli organismi geneticamente modificati. La legislazione europea sugli Ogm non è intaccata dalla presa di posizione del Wto e resterà invariata.

Per approfondire:

"La moratoria UE viola le norme del Wto. Da anni, in ogni parte del mondo, la gente mangia alimenti geneticamente modificati. I cibi biotech aiutano a nutrire la popolazione mondiale che soffre la fame, offrono enormi opportunità per una alimentazione più sana e nutriente e proteggono l'ambiente riducendo l'erosione del suolo e l'uso dei pesticidi".

Roberto Zoellick, Rappresentante USA al commercio, 13 maggio 2003, nel corso della presentazione della causa USA in sede Wto.

Bob Zoellick aveva dunque ragione, la "de facto" moratoria applicata dall'Unione Europea dal 1998 al 2003, viola le norme dell'Organizzazione Mondiale del Commercio. Così sta scritto nell'interim Report, la bozza di sentenza consegnata due giorni fa ai paesi interessati dalla disputa. A voler essere precisi, "le misure di salvaguardia citate in giudizio da Stati Uniti e Canada sono inconsistenti con l'Articolo 5.1 (1) ed i requisiti 2 e 3 dell'articolo 2.2 dell'Accordo sulle misure Sanitarie e Fitosanitarie", meglio noto con l'acronimo di SPS.

La notizia non ha sorpreso gli addetti ai lavori e già durante l'ultima conferenza ministeriale di Hong Kong, erano trapelate voci sull'esito della lunga disputa che divide le due sponde dell'Atlantico, ma ora tutti possono vedere un estratto delle 1.046 pagine della sentenza, pubblicate sul sito dell' Institute for Agriculture and Trade Policy (2), che ha così provocatoriamente violato la segretezza che contraddistingue l'organismo Wto per la gestione delle dispute.

PREMESSA

Il 13 maggio 2003, alcuni paesi capitanati dagli Stati Uniti d'America avevano avviato una causa presso l'Organizzazione mondiale del commercio (3) relativamente alla moratoria sui prodotti geneticamente modificati che l'Unione Europea aveva in atto dal 1998. Al panel Wto venne richiesto di pronunciarsi sulla compatibilità delle misure della comunità e dei suoi stati membri con le regole dell'organizzazione mondiale del commercio.

In particolare, le misure oggetto della causa erano:
- Il fallimento da parte della comunità europea nello stabilire una procedura funzionante di autorizzazione per i prodotti GM;
- Il blocco all'importazione di alcuni Ogm;
- le regole di salvaguardia che alcuni stati membri avevano messo in atto, infrangendo la stessa legislazione comunitaria.

I funzionari americani prepararono la causa con molta cura, stabilendo alla fine di concentrare le loro accuse nel mancato rispetto delle clausole stabilite dall'Accordo sulle misure sanitarie e fitosanitarie (SPS). Questo accordo si occupa della tutela della salute dell'uomo, degli animali e dei vegetali. In sostanza si occupa di "armonizzare" le diverse misure sanitarie e fitosanitarie applicate dai vari paesi sull'importazione di alimenti, mangimi e vegetali.

Nel suo preambolo l'accordo riconosce il diritto di ogni paese membro "di adottare o applicare le misure necessarie a tutelare la vita e la salute dell'uomo, degli animali e dei vegetali", ma tutto ciò compatibilmente con un secondo fondamentale criterio: "purché dette misure non siano applicate in modo da costituire un mezzo di discriminazione arbitraria tra i Membri".

L'SPS "incoraggia" i paesi membri a basare le proprie misure cautelative sugli standard internazionali esistenti; in particolare sono riconosciuti esplicitamente tre organismi: la Commissione del Codex Alimentarius (per gli alimenti), l'Ufficio internazionale delle epizoozie (per gli animali) e la Convenzione internazionale per la difesa dei vegetali.

Nel caso non esistessero standard emessi da queste tre organizzazioni, l'accordo stabilisce che le misure siano basate su una "valutazione dei rischi" che deve tener conto delle prove scientifiche disponibili e deve svolgersi in un periodo temporale "ragionevole" (Art. 5.8).

LA DIFESA UE

L'Unione Europea si è difesa affermando innanzitutto che non è mai stata messa in atto alcuna moratoria, semplicemente è stato necessario un certo lasso di tempo per negoziare a livello comunitario il sistema di regolazione e tracciatura approvato proprio nel 2003. La Commissione ha sostenuto che l'argomento Ogm non era un argomento da trattarsi in sede Wto (!) e che anche se il mondo scientifico appare concorde sul considerare innocui i prodotti geneticamente modificati, appare pure convinto che debba essere fatta una valutazione caso per caso e questo è quanto da lei attuato.

Per sostenere la sua posizione l'UE aveva chiesto al panel di sentire il parere di alcuni esperti e, nonostante la contrarietà americana, questo è stato fatto anche se non è stato reso pubblico il risultato di questa consultazione. L'UE ha infine sottolineato il fatto di aver rispettato i requisiti del protocollo di Cartagena sulla biodiversià, Accordo firmato dall'UE ma non dagli Stati Uniti.

COSA DICE LA SENTENZA?

Innanzitutto dice di non voler entrare in merito al discorso salubrità degli Ogm, né sul discorso dell'equivalenza, tanto caro agli USA, fra prodotti Ogm e non; i tre membri del panel, si limitano ad affermare che i sistemi di valutazione europei (nello specifico le direttive 90/220 e 2001/18) violano l'SPS perché la valutazione dei rischi non è avvenuta in un tempo ragionevole; pertanto, come sostenuto dagli USA, l'UE ha attuato una ingiustificata moratoria sull'approvazione di nuovi Ogm dall'ottobre 1998 all'agosto 2003.

Inoltre vengono condannate le misure attuate da alcuni stati membri, fra cui l'Italia, per proteggere i rispettivi settori agricoli convenzionali e biologici sfruttando al massimo ogni spazio concesso dalla legislazione comunitaria per mettere in atto leggi molto restrittive in relazione alla coltivazione di sementi Ogm.

Riguardo al nostro paese, gli USA contestarono la sospensione delle importazioni di questi mais GM: Bt-11, MON 809, MON 810 e T25. Tale decisione venne presa con un decreto del presidente del Consiglio pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 4 agosto 2000. Secondo l'Interim Report le misure attuate dall'Italia e da altri paesi europei sono inconsistenti con gli impegni presi dalla Comunità Europea in sede Wto.

E ORA?

Ci sarà la pubblicazione ufficiale e sicuramente l'UE ricorrerà in appello, ma questo poco importa perché l'obiettivo della causa non era quello di colpire l'Europa, che ha già posto fine alla sua moratoria nell'autunno del 2003.

Come ampiamente affermato lo scopo della causa era ed è quello di dare un chiaro segnale politico a tutti i paesi del globo, meno potenti dell'Unione Europea, indicando che non possono permettersi di seguire la sua strada e che misure precauzionali sugli Ogm non sono giustificabili.

Illuminante al riguardo il commento di Christian Verschueren, direttore di CropLife International (4): "Spero che questa [sentenza] sia un segnale forte verso tutti i paesi del mondo che non si possono prendere misure cautelative senza che siano basate su una chiara evidenza scientifica".

In un discorso della meta' del maggio 2003, il Presidente George W. Bush aveva giustificato la controversia affermando: "Se allarghiamo l'impiego delle nuove bio-semenze ad alta resa e scateniamo la potenza dei mercati, potremo aumentare notevolmente la produttività agricola e nutrire più gente in tutto il continente (Africa). Eppure i nostri partner europei ci hanno ostacolato nei nostri sforzi. Hanno bloccato tutte le nuove bio-semenze a causa di timori infondati, senza base scientifica. Questo ha fatto sì che molte nazioni africane hanno evitato di investire nelle biotecnologie, per paura che i loro prodotti vengano esclusi dai mercati europei" (5).

Questa giustificazione retorica aveva ricevuto l'appoggio finanziario di fondazioni statunitensi create congiuntamente con aziende di ingegneria genetica che promettono di portare gli Ogm in Africa senza gli elevati costi dei diritti sulla proprietà intellettuale. Per esempio la Fondazione Rockefeller, insieme a DuPont, Dow AgroSciences, Syngenta e Monsanto, con l'Agenzia US per lo Sviluppo Internazionale avevano costituito a Nairobi l'African Agricultural Technology Foundation (Fondazione Africana per la Tecnologia Agricola), per fornire nuove tecnologie ai coltivatori locali.

Con l'iniziativa presso il Wto, l'amministrazione Bush e l'industria biotech volevano dimostrare che non solo il loro interesse verso gli aiuti umanitari Ogm è di carattere prevalentemente umanitario, ma che l'opposizione ai cibi transgenici è pretestuosa, priva di fondamento scientifico e illegale rispetto alle regole multilaterali del commercio.

L'Interim Report pare dar loro ragione, colpendo il principio precauzionale che definisce il diritto di una nazione a prendere misure preventive quando non è convinto della salubrità di un prodotto, anche se non esistono sicurezze in materia. Conferma che gli accordi Wto sono preminenti rispetto a quelli multilaterali (Cartagena) e che tre rispettabili signori possono giudicare, a porte chiuse, complesse legislazioni frutto di un lungo confronto politico. Ancora una volta, democrazia e sovranità si scontrano con le regole di un organismo che si conferma a favore di chi ne ha posto le fondamenta: le imprese multinazionali.

di Roberto Meregalli
Beati i costruttori di pace
Tradewatch.it

Note:
(1) L'Art. 5 si occupa di "Valutazione dei rischi e determinazione del
livello di protezione sanitaria o fitosanitaria adeguato"
(2) Vedi http://www.tradeobservatory.org/library.cfm?refid=78475
(3) Vedi comunicato stampa USTR/USDA del 13 maggio 2003: "US and cooperating
countries file Wto case against EU moratorium on biotech foods and crops".
(4) Lobby che rappresenta imprese del sttore come Du Pont, Syngenta,
Monsanto, BASF, Bayer.
(5) Citazioni e riferimenti tratti da "The US request for a Wto Panel on the
EC Biotech Moratorim: Why Now and With What Result?", Steve Suppan, IATP, 3
settembre 2003.

Per maggiori informazioni sull'argomento vedi anche "Pappa buona!" su
http://www.beati.org/wto/ArchivioDocumenti/2004/pappa_buona.pdf

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...