Una città per tutti!

Stampa

Immagine: Padovapertutti.it

Una città a misura delle persone con disabilità è più accessibile a tutti, residenti e turistiE' questa la profonda convinzione di COSPE Onlus e Associazione Vite in viaggio, promotrici del progetto biennale “PADOVA per TUTTI”, realizzato in collaborazione con Cooperativa Sociale Polis Nova, IT.A.CÀ Migranti e Viaggiatori, festival del turismo responsabile, Festival della Lentezza, libreria Pangea, CSV Padova, patrocinato dal Comune di Padova e sostenuto dalla Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell'ambito del bando Culturalmente 2017.

Purtroppo ragionare in termini di accessibilità universale degli spazi e delle esperienze al giorno d'oggi è ancora una rarità. Quasi 10 milioni di persone in Italia riscontrano problemi di mobilità e accesso a luoghi e infrastrutture e nemmeno il settore turistico finora si è dimostrato in grado di far fronte a questa richiesta, il cui impatto sul PIL ammonterebbe a 11,7 miliardi di euro (dati indagine “Osservatorio Vacanze Italiani”, condotta da Doxa Europar nel 2015).

Partendo da questa consapevolezza, il progetto ha l'obiettivo di promuovere una responsabilità condivisa da tutti gli attori sociali territoriali nella gestione di buone prassi legate allo sviluppo sostenibile, accessibile e socialmente responsabile del territorio. Le azioni previste nel corso dei due anni sono estremamente variegate e coinvolgono una vasta platea di destinatari. Da gennaio è attivo il primo ciclo di incontri del laboratorio di teatro – danza “sGUARDI diVERSI”, promosso dalla Cooperativa Sociale Polis Nova e rivolto ai componenti del gruppo Spettacoliamo, persone con disabilità utenti della onlus. A partire dal prossimo anno l'attività sarà aperta anche a partecipanti esterni, con e senza disabilità. A fine percorso il gruppo si esibirà in una performance pubblica.

A maggio invece è iniziato il tavolo di lavoro sull'accessibilità, composto da rappresentanti locali delle associazioni Unione Italiana Ciechi (UICI), Unione Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM), Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM), alcuni cittadini e studenti universitari e del Master Interateneo di II livello “Inclusione e Innovazione Sociale”. Il tavolo ha la finalità di individuare un itinerario di interesse turistico e artistico percorribile da tutti a partire dalla stazione ferroviaria fino ad arrivare al Palazzo della Ragione. A questo scopo è stato avviato il laboratorio di mappatura, un percorso di otto incontri, alcuni dedicati alla formazione teorica ed altri ad esperienze pratiche di “lavoro sul campo”. I formatori esperti alla guida del gruppo sono i professionisti dell'associazione La Skarrozzata e dell'Istituto dei Ciechi F. Cavazza, entrambi con sede a Bologna.

L'obiettivo è quello di rilevare da un lato la presenza di barriere architettoniche e dall'altro di tutti quegli elementi che possono invece facilitare l'accesso e la mobilità urbana. I punti di interesse da mappare sono monumenti di interesse artistico, luoghi di ristorazione, mezzi pubblici. Tutte possibili mete turistiche che devono poter essere fruibili anche da persone con disabilità. Fine ultimo del lavoro del Tavolo è l'elaborazione di una mappa che illustri un itinerario turistico accessibile Gli elaborati saranno illustrati nel corso del “Convegno regionale sull'accessibilità” in previsione per il prossimo autunno.

Dopo la pausa estiva inizierà una serie di attività dedicate ai più giovani. Si tratta di laboratori, workshop e concorsi artistici rivolti agli studenti delle scuole superiori e ai giovani dai diciotto ai quarant'anni. Attraverso l'uso di differenti linguaggi artistici verrà stimolata la riflessione e la condivisione di proposte, esperienze e buone prassi legate ad uno sviluppo urbano sostenibile e accessibile.

I laboratori e il concorso “Una gita scolastica sostenibile e accessibile” coinvolgeranno vari istituti scolastici di Padova. I laboratori e contest “Raccontami un posto accessibile” sarà invece indirizzato ai giovani under 40 e consisterà in tre laboratori artistici -scrittura creativa, fotografia e storytelling, per descrivere la loro idea di città accessibile attraverso testi, foto e video.

Tappe salienti del percorso saranno inoltre incontri all’interno dell'edizione 2019 del Festival della Lentezza, Il Festival della letteratura e del viaggio sostenibile e accessibile a cura di libreria di viaggio Pangea ed il Festival dell’accessibilità, in collaborazione con IT.A.CÀ Migranti e Viaggiatori, festival del turismo responsabile, in programma nell'estate del 2020. Quest’ultima iniziativa, di rilevanza nazionale, sarà organizzata in collaborazione con enti ed associazioni che si occupano di sostenibilità e accessibilità territoriale. Il programma del festival sarà ricco di eventi, itinerari ed iniziative, tra cui attività ludico, motorie ed esperienziali a cui tutta la cittadinanza sarà invitata a partecipare.

Verranno organizzati percorsi ed escursioni a bordo dei più svariati mezzi di locomozione che potranno essere rilevati con tecnologia GPS, restituiti su mappa digitale e condivisi sul web.

Da PADOVA per TUTTI

Ultime notizie

“Gender” e diritti nel vocabolario della diversità

19 Febbraio 2020
Pari opportunità vuol dire anche ricerca, informazione, servizi, riconoscimenti. (Anna Molinari)

Droga: Sirisena imitava Duterte?

18 Febbraio 2020
La Corte suprema dello Sri Lanka ha deciso di sospendere per la seconda volta l’applicazione della sentenza di morte per i trafficanti di droga. È incostituzionale. (Alessandro Graziadei)

Rendere sostenibile l’Italia mettendo in rete esperienze e progetti

17 Febbraio 2020
Leonardo Becchetti, docente di Economia politica all'Università Tor Vergata, è stato scelto dal ministro dell'Ambiente Costa per presiedere un Gruppo di studio su economia e sviluppo sostenibile, c...

Impressioni sul coronavirus da Dakar

17 Febbraio 2020
Si è parlato molto della possibile diffusione del virus in Africa anche a causa della massiccia presenza cinese. Ma cosa succede realmente sul terreno? (Lucia Michelini)

L’omofobia diventa un reato in Svizzera

16 Febbraio 2020
Una nuova legge approvata in Svizzera consente di condannare discriminazioni e insulti basati sull’orientamento sessuale. (Andrea Barolini)