Una Commissione parlamentare sui rifiuti

Stampa

"La lotta alla criminalità organizzata avrà un potente alleato. La Commissione parlamentare approvata oggi alla Camera garantisce uno strumento investigativo che renderà dura la vita alle ecomafie." Legambiente esprime così la sua soddisfazione per l'approvazione unanime alla Camera della Commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite connesse. La Commissione sarà il principale osservatorio sul mondo dei rifiuti, nella sua gestione legale e nelle derive illegali. Il Rapporto ecomafia di Legambiente stima in 6000 miliardi di lire il business legato allo smaltimento illegale dei rifiuti speciali e pericolosi e 2000 sono le infrazioni accertate dalle forze dell'ordine. Le Associazioni Legambiente e WWF sono soddisfatte anche per l'approvazione dell' emendamento al ddl Lunardi. Il comma 15 dell'articolo unico della cosiddetta Legge Obiettivo firmato da Lunardi voleva cancellare l'obbligo per le imprese produttrici di rifiuti speciali non pericolosi di compilare il Modello unico di dichiarazione ambientale (Mud). I produttori di "rifiuti speciali non pericolosi" (che comprendono comunque scorie e ceneri pesanti degli inceneritori, fanghi dei depuratori di reflui industriali, i rifiuti inorganici provenienti da processi termici, quelli della metallurgia dell'alluminio, del piombo, dalla lavorazione della plastica ...) saranno perciò ancora obbligati a tenere i registri di carico e scarico.
Pubblicato il: 22.10.2001
" Fonte: » Legambiente, WWF;
" Approfondimento: » Narcomafie-ecomafie, Senato della Repubblica;

Ultime notizie

Spazio al bosco, e le specie spariscono

23 Settembre 2019
Che l’uomo intervenga o si assenti, per la sopravvivenza dell’ecosistema avrà sempre una responsabilità. (Anna Molinari)

Giornata del dono, coinvolti centinaia di studenti

22 Settembre 2019
Sono 80 gli istituti scolastici che hanno aderito al progetto #DonoDay2019, realizzato in collaborazione con il Miur. 

Abbiamo solo 11 anni per salvare la nostra specie

21 Settembre 2019
Ci avviciniamo al prossimo evento, venerdì 27 settembre, organizzato dai giovani dei "Fridays for Future”. (Lia Curcio)

La guerra nel nome della pace

20 Settembre 2019
Attorno ad Idlib continuano i combattimenti, la fuga dei cittadini, le morti, le distruzioni. Il ruolo della Turchia è sempre più ambiguo, nei suoi giochi anti-curdi tra Mosca, Washington e Damasco...

Presidenziali in Tunisia: vincono astensione e populismo anti-casta

20 Settembre 2019
Al ballottaggio per eleggere il nuovo presidente tunisino si affronteranno due candidati controversi e fuori dagli schemi tradizionali. (Ferruccio Bellicini