Una Carta del caffè nella crisi del mercato

Stampa

© Campagna contro gli abusi di Starbucks

Il mercato del caffè è in crisi e milioni di agricoltori sono indirizzati verso la povertà. Buona parte delle organizzazioni che si occupano di commercio equo e dei processi di globalizzazione si stanno organizzando per stilare una Carta del Caffè che sostenga una pressione a livello internazionale. Il prezzo del caffè nel mercato internazionale non riesce nemmeno a coprire i costi di produzione, come dimostrano i 170.000 posti di lavoro persi in Centro America nel 2001. Nel 2000/2001 il commercio totale di caffè era del valore di 65 miliardi di cui solo 5.5 sono rimasti nei paesi produttori. Intanto, le multinazionali registrano aumenti dei profitti come Nestlè (+20%) e Sarah Lee/Douwe Egberts (+6% nonstante una perdita di vendite del 6%). Alla costante sovrapproduzione nei mercati dei beni - continua la Carta del caffè - dovuta anche alla liberalizzazione del mercato e ai continui incentivi ad investire in attività di esportazione si aggiungono numerosi fattori che non vedono i governi attori di cambiamento e in particolare l'Unione Europea voler attuare politiche che lo garantiscano. Per quanto riguarda il ruolo dei consumatori, si registra una forte pressione negli Stati Uniti per un caffè equo e solidale con una rete di organizzazioni impegnate nella campagna "Fair Trade" e che vedrà dal 21 al 28 settembre criticare la multinazionale del caffè Starbucks per l'uso di OGM, anche via e-mail e fax. Grazie alla pressione dei consumatori in Inghilterra, Starbucks Coffee Company ha annunciato un accordo con la Fairtrade Foundation per vendere caffè equosolidale nella catena di negozi Starbucks.
Pubblicato il: 20.08.2002 " Fonte: » Altromercato CTM, Global Exchange, Amnesty International, Misna, Organic Consumer Association;
" Approfondimento: » Campagna per umanizzare il commercio del caffè;

Ultime notizie

Il Premio Goldman a un difensore mapuche del territorio

22 Maggio 2019
Il premio, ritenuto una sorta di “Nobel ambientale”, è il più importante riconoscimento per chi difende i diritti dell’ambiente. (Michela Giovannini)

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Lo schiaffo dell’Onu è a tutti noi

20 Maggio 2019
“Le leggi volute dal governo italiano sul tema migranti sono contrarie ai  diritti  umani”. Le Nazioni Unite strigliano l’Italia. Forse dovrebbero strigliare gli italiani. Solo...

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)